Navigation

Le unioni civili sono realtà

Le congratulazioni a Monica Cirinnà dopo il voto tvsvizzera

Il Senato italiano approva la norma che regolamenta le coppie dello stesso sesso; no alle adozioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 febbraio 2016 - 20:35

Il disegno di legge sulle unioni civili, definita 'legge Cirinnà' dal nome della prima firmataria, ha ricevuto il via libera dal Senato della Repubblica dopo un iter sofferto e una votazione palese che ha visto 173 favorevoli e 71 contrari. Non a caso una parte dell'opinione pubblica e della politica italiana ha definito il testo finale come "azzoppato".

Partito Democratico e centristi cattolici, ma anche senatori a sinistra dell'area cattolica, hanno chiesto di stralciare l'articolo sulla "stepchild adoption", la possibilità di adottare un figlio da parte di uno dei componenti della coppia omosessuale, che sia naturale o adottivo.

Ancora, altro grande assente nella legge sono le disposizioni che equiparano le unioni civili al matrimonio, non solo per quel che riguarda gli atti amministrativi ma anche rispetto ai termini con i quali si definiscono queste coppie nella vita civile. Ora il testo dovrà passare alla camera dei deputati dove Matteo Renzi può contare su numeri importanti per la futura votazione.

sdr

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Le congratulazione a Monica Cirinnà dopo il voto ansa

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.