Navigation

L'Italia che non c'è più

La Basilica di San Benedetto a Norcia, prima e dopo il sisma. La foto ha fatto il giro del mondo keystone

Da Castelluccio a Ussita, interi borghi cancellati dal terremoto che ha colpito il centro del paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2016 - 11:22

Le scosse di terremoto che hanno devastato a più riprese l'Italia centrale (l'ultima domenica, con una magnitudo di 6,5, la più forte ad aver colpito il paese dal 1980) si sono lasciate alle spalle disperazione e distruzione.

Cancellando edifici, monumenti storici, interi borghi che, da secoli, rappresentano memoria, cultura, punti di riferimento, itinerari turistici, diventati famosi nel mondo per unicità e bellezza.

Se la foto drammatica della Basilica di San Benedetto a Norcia, crollata e distrutta, ha conquistato le prime pagine dei media internazionali, Castelluccio di Norcia, cuore dei Monti Sibillini, famosa anche per essere meta degli appassionati di deltaplano e parapendio di tutto il mondo, è stata quasi rasa al suolo.

Pesantemente colpiti Castel Sant'Angelo sul Nera, Visso, Ussita e Preci.

A Civita di Bagnoregio danneggiato il campanile, a Nepi è caduta la palla medicea del palazzo comunale. Lesioni gravissime per la chiesa della Collegiata di S.Genesio.

ANSA/M.Ang.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.