Il rincaro dissipa gli aumenti Calano i salari reali in Svizzera: -0,4%

Mazzette di banconote da 50 franchi passano attraverso una macchina industriale (che verosimilmente le confeziona)

L'inflazione dello 0,9% dissipa l'aumento di salario nominale medio (0,5%). È il secondo anno consecutivo che si registra una flessione.

RSI-SWI

In Svizzera, nel 2018, i salari reali sono diminuiti in media dello 0,4% rispetto all'anno precedente, poiché gli aumenti nominali sono stati più che erosi dall'inflazione. È quanto emerge dai dati pubblicati martedì dall'Ufficio federale di statistica UST. È il secondo anno consecutivo che si registra una flessione (-0,1% nel 2017).

In termini nominali, nel 2018 gli stipendi sono cresciuti mediamente dello 0,5%, in linea con i tassi entro l'1% registrati dal 2010, e con i dati degli ultimi anni: +0,4% nel 2017, +0,7% nel 2016 e +0,4% nel 2015.

I lavoratori dipendenti, a fine mese, hanno però meno soldi a disposizione: l'inflazione, rileva l'USTLink esterno, è stata dello 0,9%. I salari reali medi sono quindi scesi (+0,5% nominale -0,9% inflazione = -0,4%), senza contare che il paniere non contempla i premi dell'assicurazione malattia, cresciuti in media nel 2018 del 4% per gli adulti e del 5% per i minorenni.

Rincaro più alto del previsto

In generale, gli adeguamenti salariali per il 2018 erano stati decisi a fine 2017, quando il rincaro per l'anno seguente era stimato a +0,2%, meno di un quarto di quanto rivelatosi in seguito.

Dietro al -0,4% di media, ci sono settori nei quali la crescita dei salari è stata reale, più di tutti il chimico farmaceutico (+0,8%). Il peggior andamento è invece quello degli stipendi dell'industria del legno, della carta e della stampa (-1,3%).



L'industria chimica farmaceutica è, insieme al settore dei prodotti informatici, elettronici, elettrici, ottici e dell'orologeria, quella che ha maggiormente influenzato al rialzo l'andamento dei salari dal 2014 al 2018. Si tratta di comparti ad alta densità di ricerca e sviluppo e fortemente orientati all'esportazione.

Lustro in positivo

Nel periodo 2014-2018, il ritmo medio della progressione dei salari reali è stato, per l'insieme degli stipendiati, dello 0,6% (+0,5% per gli uomini e +0,7% per le donne; +0,5% nel secondario, +0,6% nel terziario).

Per trovare una diminuzione dei salari reali precedente al 2017, bisogna risalire al 2008 (-0,4%).

Parole chiave