Navigation

L'arte galleggia tra Svizzera e Italia

ArTransit ha offerto un’altra puntata di spettacoli su una piattaforma mobile; questa volta è stato un battello. La nave, carica di creatività, ha attraversato il lago Maggiore da Arona ad Ascona in un percorso punteggiato di sorprese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2015 - 15:58

L'arte in movimento: questo propone il progetto ArTransitLink esterno che si è concluso domenica 19 aprile con l'ultimo appuntamento. Dopo gli spettacoli speciali che a novembre hanno trasformato il treno transfrontaliero TILO in un particolare palcoscenico tra Milano e Zurigo, una nave carica di creatività ha attraversato il lago Maggiore da Arona ad Ascona in un percorso punteggiato di sorprese.

Sulla Performance Ship, artisti svizzeri e italiani hanno proposto spettacoli, acrobazie e un concerto, mentre alcuni attori leggevano i testi di Carlo Emilio Gadda ed Enrico Filippini. Alcune tappe speciali sulle isole hanno inoltre fornito l'occasione di scoprire luoghi di passaggio e vivere delle esperienze sensoriali basate sulla sinergia tra artisti e natura. In chiusura del viaggio, uno spettacolo speciale è andato in scena al teatro San Materno di Ascona, ricco di spunti riflessivi per i partecipanti.

Gli artisti svizzeri e italiani che reagiscono hanno messo in scena la loro reazione alla situazione particolare del veicolo in movimento e dell'essere «in between» tra due paesi e culture per certi aspetti diversi e quasi contrapposti, ma storicamente vicini ed in continuo scambio.

ArTransit è uno dei 19 progetti vincitori di «Viavai Contrabbando culturale Svizzera-Lombardia», programma di scambio culturale della Fondazione Svizzera Pro Helvetia Pro HelvetiaLink esternoe dei suoi partner. Un progetto ideato per unire idealmente e artisticamente i due paesi e le loro differenti culture.

(Chantal Dumont/alaNEWS)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.