intossicazione da cianobatteri Sei cani morti in 24 ore, rive chiuse vicino a Neuchâtel

Bagnanti in riva al Lago di Neuchatel

Bagnanti in riva al Lago di Neuchatel

Keystone / Anthony Anex

Bagnanti fatti uscire in tutta fretta dall'acqua dalla polizia nel lago di Neuchâtel per il rischio batteriologico e balneazione vietata sulle rive a ovest del capoluogo.

La decisione è stata presa dopo la morte di sei cani in sole 24 ore verosimilmente a causa delle concentrazioni elevate di cianobatteri nelle acque, secondo quanto è emerso dai primi accertamenti.

Le autorità hanno vietato giovedì sera la balneazione tra la foce del fiume Areuse e Colombier, località alla periferia di Neuchâtel e le spiagge sono state chiuse. In attesa dei risultati delle analisi di laboratorio è fortemente sconsigliato immergersi in tutte le rive del lago romando, secondo quanto recita un comunicato della polizia neocastellana.

I cianobatteri si sviluppano in acque basse e stagnanti, dove si formano colonie a forma di massa gelatinosa o di filamenti che galleggiano in superficie. La loro crescita è favorita dalle alte temperature come quelle che si riscontrano in questi giorni.

Numerose specie di cianobatteri (dette anche alghe azzurre) sono capaci di produrre tossine che agiscono a livello nervoso ed epatico, risultando nocive e persino potenzialmente mortali anche per l'uomo quando la loro concentrazione è elevata. È l'ingestione dell'acqua contaminata con questo batterio che provoca intossicazione.

Il servizio del TG:


Parole chiave