In pillole La settimana in Svizzera

Le misure per frenare i contagi della pandemia non ché le conseguenze della situazione attuale hanno tenuto banco anche questa settimana in Svizzera. Mentre si prospetta un'estensione dei provvedimenti fino alla fine di febbraio, si registra una crescita della disoccupazione e si prevede un aumento del numero di persone in assistenza. Ma l'inizio ufficiale della campagna vaccinale dà qualche speranza. Ripercorriamo qui, in pillole, l'attualità elvetica degli ultimi sette giorni.

A Zurigo, Uri, Obvaldo, Ticino, Giura, Grigioni, San Gallo, Glarona, Appenzello Esterno e Turgovia sono state somministrate le prime dosi del farmaco immunizzante di Pfizer/Biontech.

Le persone che nei prossimi due anni potranno sopravvivere solo grazie all'assistenza pubblica sono destinate ad aumentare di un quinto. È quanto ha reso noto giovedì la Conferenza svizzera delle istituzioni dell'azione sociale (COSAS) che ha stimato l'impatto della crisi economica indotta dalla pandemia di coronavirus nell'ambito dell'aiuto sociale.

La decisione non è ancora definitiva e verrà presa solo tra una settimana, dopo aver consultato le autorità dei 26 Cantoni e i settori toccati dai provvedimenti.

Tuttavia, difficilmente il Governo farà marcia indietro, tanto più che la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (l'organo che riunisce i ministri della sanità dei 26 Cantoni svizzeri) ha già indicato di accogliere con favore le misure.

Nonostante il largo ricorso al lavoro ridotto (cassa integrazione) il tasso di disoccupazione è salito al 3,5% a fine dicembre, il valore più alto degli ultimi quattro anni, superando la soglia psicologica di 160'000 iscritti agli uffici di collocamento (Urc).

La scuola reclute di gennaio verrà scaglionata per ridurre i rischi di infezione e sarà dedicata principalmente al supporto che l'esercito potrebbe essere chiamato a fornire alle autorità civili nella lotta contro il Covid-19, qualora il suo intervento si rendesse necessario nei prossimi mesi.

tvsvizzera.it/Zz con RSI

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave