Navigation

Delocalizzare in Ticino: cosa ci si guadagna (e chi ci perde)

tvsvizzera

A colloquio con tre imprenditori lombardi e con chi veglia sui flussi di aziende a cavallo della frontiera

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 aprile 2015 - 14:09

La burocrazia domina il Paese, la pressione fiscale è alta, l'economia è in crisi, e così sono sempre di più gli imprenditori italiani che pensano di spostare la loro azienda in Svizzera e segnatamente nel Canton Ticino, che per prossimità geografica e culturale è la strada più semplice per delocalizzare, specie dal nord Italia.

Non a caso, la Regione Lombardia ha inviato a Roma una Proposta di legge al Parlamento per l'istituzione di Zone economiche speciali. Le ha promosse il governatore Roberto Maroni proprio in virtù del confine con la Svizzera, per sostenere l'economia lombarda "e contrastare la delocalizzazione".

Un timore giustificato?

Le interviste

Chi rimane

tvsvizzera


Paolo Federici [guarda l'intervistaLink esterno], titolare di un'azienda di trasporti internazionali e blogger, lancia una provocazione: "se mi trasferissi in Svizzera, il mio lavoro sarebbe più semplice e apprezzato, e i miei bilanci in attivo". Ma non lascia l'Italia.

Chi ha delocalizzato

tvsvizzera


Ornella Gambarotto e Riccardo Fuochi, imprenditori [guarda l'intervistaLink esterno], raccontano con soddisfazione il loro approdo nel Canton Ticino: uno vi ha fatto nascere un nuovo segmento dell'azienda, l'altra ha aperto una filiale. Ma entrambi hanno mantenuto le loro attività in Italia.

Inutile andarsene se non si è competitivi

tvsvizzera


Fulvio Alvisi [guarda l'intervistaLink esterno], vice presidente della Camera di commercio di Como, mette in guardia: "un'impresa che non è competitiva in Italia, non può pensare di diventarlo cambiando sede". In ogni caso esclude che il basso numero di imprese nella sua provincia sia riconducibile alla concorrenza ticinese.

Il pericolo del dumping

tvsvizzera


​​​​​​​Stefano Rizzi [guarda l'intervistaLink esterno], direttore della Divisione dell'economia del Dipartimento finanze ed economia Cantone Ticino, sta all'erta: il rischio che confluiscano aziende a basso valore aggiunto, e spingano i salari al ribasso, è concreto.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.