Navigation

Pandemia, Dufry verso grandi tagli al personale

L'azienda dà lavoro a circa 35'000 persone in tutto il mondo. Keystone / Georgios Kefalas

Dufry, azienda basilese specialista del commercio al dettaglio esentasse attiva in tutto il mondo, sta subendo pesanti conseguenze per la crisi del coronavirus e ha annunciato una riduzione dei costi del personale tra il 20 e il 35%.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 giugno 2020 - 15:56

Dufry impiega circa 35'000 persone in 65 diversi paesi, 788 in Svizzera. L'azienda gestisce 2'400 punti vendita in aeroporti, stazioni ferroviarie, porti, navi da crociera e aree turistiche .   

La riduzione dei costi sarà effettuata entro il prossimo ottobre attraverso prepensionamenti, licenziamenti, ricorrendo ai contributi governativi e rinunciando al personale stagionale, afferma una nota.

Non è tuttavia ancora chiaro dove, di preciso, questi tagli verranno effettuati. Secondo quanto affermato dal portavoce dell'azienda, toccheranno tutti i livelli organizzativi e tutte le regioni. Chiusure di negozi non sono al momento previste.

Nel 2019 Dufry ha realizzato un utile netto di 135,4 milioni di franchi per un fatturato di 8,85 miliardi di franchi. Per il 2020 è previsto un calo dei ricavi del 40-70%.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 24.06.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.