Il patron di Borsalino arrestato a Lugano

Marco Marenco era ricercato da luglio 2014 per ottanta capi di imputazione

Ricercato per la più grande bancarotta italiana dai tempi di Parmalat, un crack finanziario da 3 miliardi e mezzo di euro ed orchestrato attraverso una fitta rete di società, Marco Marenco, imprenditore astigiano al centro del crac di Borsalino, è stato arrestato a venerdì mattina a Lugano. Ora si trova al carcere della Farera.

Latitante dall'estate del 2014, ma già attivo in Ticino dal 2006, Marenco era amministratore unico di una finanziaria in centro a Lugano, in Via degli Oliva. E proprio grazie al sistema di videosorveglianza cittadino, l'imprenditore è stato identificato.

Il mandato di cattura internazionale era stato firmato l'estate scorsa, prima dal tribunale di Asti poi da quello di Alessandria. L'estradizione di Marenco dovrebbe avvenire nei prossimi giorni.

Parole chiave