Navigation

Il Covid-19 sulla rotta balcanica

Centinaia di migranti provenienti da Est e diretti nel cuore dell'Europa sono fermi a Trieste, in attesa che passi la crisi pandemica in corso.

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 maggio 2020 - 14:00
Pierpaolo Mittica, Rsinews
Due ciclisti con la maschera sanitaria transitano davanti il Palazzo del municipio a Trieste. Keystone / Giovanni Montenero/regione Crona


Lorena Fornasir e Gian Andrea Franchi sono i fondatori dell’associazione Linea d’Ombra ODV Link esternoche accoglie e aiuta i migranti che arrivano dalla rotta balcanica a TriesteLink esterno. Forniscono loro cure mediche, cibo e vestiti. Sono ormai un punto di riferimento per tutti i migranti che transitano a Trieste.Questa città, infatti, è la tappa fondamentale per tutti i migranti della rotta balcanica che vogliono entrare in Europa. Da qui la maggior parte di loro, dopo una breve sosta, riparte per gli altri Stati europei.

Contenuto esterno


Attualmente decine di migranti sono bloccati a Trieste a causa del corona virus e non possono continuare il loro cammino. È il caso di Ali Ahmed, 22 anni, partito tre anni fa dall’AfghanistanLink esterno. Vorrebbe arrivare in Svizzera, ma... è fermo a Trieste. Lui e gli altri sono, per il momento, accolti in strutture della Caritas e dell'ICS. In attesa di ripartire.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.