Guasto alla rete Swisscom Telefoni e Internet fuori uso per un'ora e mezza

Tra martedì e mercoledì, per oltre un'ora e mezza, gran parte della rete Swisscom è stata inutilizzabile a causa di un guasto, inclusi i numeri telefonici d'emergenza. Molti clienti dell'ex monopolista sono stati rimasti isolati fino alla mezzanotte e dieci. È il secondo episodio in un mese: un guasto simile, benché alla sola rete fissa, si era verificato il 17 gennaio.

Un villaggio di montagna fotografato di notte; aggiunte, in grafica, delle scie luminose che simboleggiano le telecomunicazioni

A banda larga, ma in buona parte fuori uso per oltre un'ora [immagine d'archivio].

Birdviewpicture

L'interruzione, che l'azienda ha imputato a "lavori di manutenzione pianificati, che hanno provocato un malfunzionamento inaspettato", ha riguardato in vario modo telefonia fissa e mobile e Internet fisso e mobile. Inutilizzabili i numeri brevi 117 (polizia), 118 (pompieri), 144 (ambulanze) e 112 (numero unico di emergenza).

Il mancato funzionamento è stato segnalato a partire dalle 23 in almeno una dozzina di cantoni -a partire da Vaud; Ticino e Grigioni compresi- e rilanciato dai tweet di diverse polizie cantonali ("la rete fissa di Swisscom sta subendo gravi perturbazioni in tutta la Svizzera"), che hanno invitato a usare per le emergenze dei numeri di cellulare.

Il 17 gennaio scorso [ Link esterno], era stato un componente difettoso a causare un guasto, ma il malfunzionamento aveva colpito solo la rete fissa dell'operatore.

Fine della finestrella

Un portavoce dell'operatore ha infine confermato all'agenzia Keystone-ATS che dalle 22.33 "sono stati interrotti i servizi basati su Internet, la telefonia fissa compresi i numeri di emergenza, la telefonia mobile attraverso la rete 4G/LTE e Swisscom TV". I lavori di manutenzione sono poi stati interrotti per ripristinare tutti i servizi interessati.

L'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) ha annunciato mercoledì "un'indagine approfondita delle cause". In base alla Legge sulle telecomunicazionLink esternoi, il concessionario del servizio universale è tenuto a garantire l'accesso ai servizi di chiamata d'emergenza. Swisscom ha dal canto suo precisato che il problema verificatosi martedì sera non ha nulla a che vedere con quello del 17 gennaio scorso e si è scusata con gli utenti.

L'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) riconosce che la panne dei numeri d'emergenza può essere problematica, ma ha comunque a disposizione mezzi di comunicazione alternativi come i classici canali radio.

Parole chiave