Navigation

Esplode un'autocisterna a Bologna

Un morto accertato, e non due come indicato in un primo tempo, e 68 feriti: è il bilancio dell'esplosione avvenuta lunedì sulla tangenziale di Bologna, causata dal tamponamento tra un'autocisterna che trasportava gas liquido e un tir fermo in colonna.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 agosto 2018 - 08:13
tvsvizzera.it/mar/ri/ats/ansa
L'autocisterna esplosa trasportava probabilmente gpl. Keystone

L'incidente si è verificato poco prima delle 14 e ai vigili del fuoco sono servite quasi tre ore per domare il rogo. Lo scontro del mezzo che trasportava materiali infiammabili con quello che lo precedeva è avvenuto sul raccordo di Casalecchio che collega l'A1 con l'A14.

La vittima accertata è l'autista dell'autocisterna, ma non si può escludere che il bilancio possa crescere. I feriti sono infatti 68: alcuni sono stati colpiti da schegge e detriti, altri hanno riportato forti ustioni sulle varie parti del corpo.

Strada interrotta e zona isolata

Il ponte sulla via Emilia è parzialmente crollato e la corsia dell'autostrada riporta un vasto squarcio provocato dall'esplosione. Il tratto è chiuso in entrambe le direzioni e probabilmente ci vorrà molto tempo per ripristinare la viabilità tra l'Autosole e la Bologna-Taranto.

Contenuto esterno

La zona è stata isolata, oltre che per favorire i soccorsi, per il timore di ulteriori crolli. Molte sono state le squadre dei vigili del fuoco impegnate, con l'aiuto di elicotteri, a domare le fiamme.

Come riferito dal coordinatore emergenze dei pompieri dell'Emilia Romagna, l'ingegnere Giovanni Carella, l'autocisterna trasportava gpl. "L'onda d'urto è stata violentissima", ha affermato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.