Navigation

Google deve 227 milioni al fisco italiano

tvsvizzera

Dopo Apple (318 milioni di risarcimento) ora tocca al gruppo di Mountain View. Nel mirino sono finite anche Amazon e Facebook

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 gennaio 2016 - 21:02

Il Fisco italiano potrebbe incassare un altro maxirisarcimento da un colosso dell'informatica dopo quello da 318 milioni di euro versato a fine dicembre da Apple. Questa volta tocca a Google che avrebbe evaso le imposte per circa 227 milioni di euro.

Il Nucleo di polizia tributaria di Milano ha chiuso in mattinata, dopo circa due anni e mezzo, un'attività di verifica fiscale incentrata su Google Ireland Ltd, società del gruppo di Mountain View.

Per gli inquirenti i contratti con inserzionisti pubblicitari per "banner" e "indicizzazioni", avrebbe dovuto essere tassato in Italia e non in Irlanda, dove invece la società ha pagato le imposte, con un'aliquota molto più bassa. Due, in particolare, i rilievi che risultano negli atti: un'omessa dichiarazione Ires su redditi per circa 100 milioni di euro con una presunta imposta evasa di 27 milioni di euro tra il 2009 e il 2013; un'omessa applicazione e versamento di ritenute per gli stessi anni con una presunta evasione di 200 milioni.

Anche Amazon e Facebook nel mirino

Intanto, i manager di Apple già indagati, dopo la chiusura del contenzioso tributario, potrebbero presto trovare un accordo di patteggiamento con i pm. In Procura a Milano, poi, sono aperte altre inchieste, che potrebbero seguire analogo percorso, su colossi dell'informatica come Amazon e Western Digital ed accertamenti sono in corso anche su Facebook.

ats

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.