Navigation

Il confino volontario dei (pochi) residenti di Monteviasco

RSI-SWI


Nei pressi della frontiera italo-svizzera gli abitanti della frazione montana di Monteviasco (Varese) vivono isolati anche dal coronavirus.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 maggio 2020 - 22:53
tvsvizzera/spal con RSI (TG dell'1.5.2020)

L'isolamento di Monteviasco, minuscolo borgo montano nel Varesotto a ridosso della frontiera con la Svizzera, si è ulteriormente accentuato durante il confinamento coatto decretato in seguito alla crisi pandemica. Il servizio del TG:

Contenuto esterno


Sette persone hanno infatti deciso di restare nelle loro semplici abitazioni e da quando nel novembre 2018 è stata chiusa la piccola funivia (per la morte del manovratore) la frazione a 950 metri di altitudine del comune di Curiglia è raggiungibile solo con una mulattiera con 1'400 gradini che si inerpica per la valle: per effettuare la salita ci vogliono non meno di 50 minuti.

Una situazione che costringe i carabinieri di Dumenza, gli unici autorizzati a spostarsi durante il lockdown, a percorrere due o tre volte alla settimana il ripido sentiero, con lo zaino in spalla, per portare cibo, medicinali e altre provviste agli irriducibili residenti.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.