Navigation

Frontalieri, nuovo record in Ticino

tvsvizzera

Il loro numero ha raggiunto quota 62'458 nel secondo timestre dell'anno

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2014 - 11:39

Nuovo record di frontalieri in Ticino. Il numero di lavoratori pendolari provenienti dalla fascia di confine nel cantone italofono, che conta oltre 340'000 residenti e 185'000 occupati, si è attestato a 62'458 nel secondo trimestre. La progressione, evidente soprattutto nel settore terziario (+9,4%), è del 6,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, secondo quanto ha reso noto l'Ufficio federale di statistica di Neuchâtel.

In particolare la loro cifra è aumentata di 2'154 unità in tre mesi ed è suddivisa in 26'104 occupati nel settore industriale e 35'702 nel terziario (602 lo sono in agricoltura). Nella Confederazione sono complessivamente 288'149 i frontalieri assunti da imprese locali (nel primo trimestre ne erano stati conteggiati 288'000).

La questione frontalieri, il cui numero è sensibilmente aumentato negli ultimi anni (erano la metà in Ticino, 31'911, quando è entrata in vigore nel 2002 la libera circolazione delle persone), è uno dei temi discussi nel quadro dei negoziati in corso tra Roma e Berna che riguardano i reciproci rapporti in ambito fiscale.

A inizio agosto l'ambasciatore italiano nella Confederazione Cosimo Risi si era detto favorevole a un calo del numero dei lavoratori stranieri in Ticino, ma non in virtù "dell'introduzione di contingenti", così come deciso in votazione popolare lo scorso 9 febbraio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.