Navigation

Acquisti all'estero, commercianti sul piede di guerra

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 15 aprile 2017 - 22:14
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 15.4.2017)

I commercianti svizzeri sono sul piede di guerra contro i frontalieri degli acquisti. Il super franco sta mettendo in difficoltà il settore e sempre più consumatori varcano i confini elvetici per la loro spesa che nonostante i limiti all’importazione e le eventuali tasse restano convenienti, soprattutto nei cantoni di frontiera.

Per questo le associazioni di categoria, sostenute da alcuni ambienti politici di destra, si stanno impegnando per ridurre la franchigia di 300 franchi che esonera dal pagamento dell’IVA sui beni acquistati all’estero.

Una mozione dell’Unione democratica di centro presentata al Consiglio degli Stati si propone di abbassare la soglia di esenzione a 50 franchi.

Contrarie le associazioni dei consumatori secondo le quali la concorrenza dell’estero, dovuta essenzialmente al divario di prezzo dei prodotti, si combatte con la qualità e l’ammodernamento della rete commerciale.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.