Fine del peso convertibile Per Cuba inizia una nuova era monetaria

banconote

Il peso 'normale' (sopra) vale circa 24 volte meno di quello convertibile.

Keystone / Alejandro Ernesto

Dal primo gennaio, il peso convertibile, allineato artificialmente sul dollaro, ha iniziato ad essere ritirato e scomparirà del tutto tra sei mesi. Questo cambiamento monetario è accompagnato da una riforma salariale.

Introdotto nel 1994 in piena crisi economica per cercare di frenare l'uso del dollaro statunitense e bloccare il mercato nero, il peso convertibile cubano (CUC) - destinato ai turisti - ha iniziato ad essere ritirato dalla circolazione venerdì. Tra sei mesi, sull'isola rimarrà solo il peso cubano (CUP), che vale circa 24 volte meno.

Il provvedimento è volto a rendere l'economia cubana più efficace e più leggibile per gli investitori stranieri, in un momento in cui Cuba, colpita dal rafforzamento dell'embargo statunitense e privata da mesi di valute forti provenienti dal turismo a causa della pandemia di coronavirus, ha bisogno di denaro fresco.

Questa riforma, annunciata a scadenze regolari dal 2013 ma sempre rinviata in attesa di momenti migliori, avviene in un contesto molto difficile: quest'anno l'economia del Paese dovrebbe registrare un calo dell'8%, secondo le previsioni della Cepal, la commissione economica per l'America Latina dell'Onu.

In mancanza di valuta estera, Cuba ha dovuto limitare le importazioni, ciò che ha aggravato le carenze di determinati beni e aumentato le code davanti ai supermercati.

Riforma salariale

Per cercare di prevenire la forte inflazione che causerà verosimilmente il provvedimento, il Governo ha fissato i prezzi di decine di prodotti e ha varato una riforma salariale che permette di moltiplicare per cinque il salario minimo mensile, che passerà a 2'100 pesos cubani (87 dollari).

Il salario minimo dovrebbe coprire teoricamente 1,3 panieri di base. Secondo alcuni economisti, però, il calcolo è stato fatto nel giugno 2019, prima dello scoppio della pandemia. In altre parole, oggi lo stipendio minimo potrebbe non bastare per coprire i fabbisogni vitali.

La riforma stabilisce 32 classi salariali a seconda dell'attività professionale. Lo stipendio massimo è di 9'510 pesos cubani (396 dollari).

Tra i salariati che guadagnano di più vi sono i governatori (375 dollari), che percepiscono 183 dollari in più di un ingegnere informatico o 123 dollari in più di un direttore finanziario di un'azienda pubblica. Un medico riceverà uno stipendio equivalente a 210 dollari, simile a quello di un giornalista, di un insegnante o di un addestratore di animali da circo.

tvsvizzera.it/mar/agenzie con RSI (TG dell'1.1.2021)

Parole chiave