Navigation

L'obbligo di vaccino lede i diritti fondamentali

Al momento attuale, sottolinea la CNE, il solo effetto provato è la protezione individuale. Keystone / Alexandra Wey

In Svizzera, la Commissione nazionale d'etica per la medicina (CNE) si dice contraria a un obbligo generale della vaccinazione anti-coronavirus: interferirebbe "in maniera sproporzionata con i diritti fondamentali", si legge venerdì in una nota. La CNE si oppone pure all'obbligo di vaccinarsi limitato a gruppi di popolazione, come il personale sanitario.

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 febbraio 2021 - 21:00

Al momento attuale, il solo effetto provato della somministrazione è la protezione individuale, rileva la CNE. Prescrivere una tale autoprotezione per gruppi di persone specifiche sarebbe "paternalista e ingiustificato".

Se in seguito fosse dimostrato che il farmaco previene la trasmissione del virus, i vantaggi della vaccinazione obbligatoria di taluni gruppi dovrebbero essere comunque "accuratamente soppesati rispetto agli svantaggi associati", scrive la Commissione. Metodi più morbidi ed efficaci devono essere privilegiati, prima di introdurre un obbligo.

Certificato di vaccinazione

La CNE non esclude che -qualora il vaccino proteggesse dalla trasmissione e a patto che tutte le persone interessate vi abbiano accesso- un certificato di vaccinazione possa essere richiesto per talune attività.

Raccomanda però di risolvere le questioni sollevate dal certificato, al fine di rafforzarne la legittimità democratica e garantire la certezza giuridica: "è imperativo vigilare affinché vengano preservati i diritti fondamentali di tutte e di tutti, ridotti al minimo le eventuali disparità di trattamento e soddisfatti i bisogni fondamentali di ogni persona".

Comunicazione e cooperazione

La Commissione etica esige intanto che la comunicazione ufficiale volta a incoraggiare i cittadini a farsi vaccinare sia adattata ai diversi tipi di pubblico ai quali si rivolge. Deve fondarsi su argomenti scientifici, così da consentire una decisione che tenga conto delle incertezze esistenti.

Infine, chiede un maggiore impegno della Svizzera in favore dell'accesso ai vaccini per i Paesi più poveri. La Confederazione dovrebbe in particolare essere più attiva nell'ambito di Covax, iniziativa dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che mira a garantire un accesso equo ai vaccini.

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, il commento dell'infettivologo Alessandro Diana dell'Università di Ginevra.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 12.02.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.