Epidemia di coronavirus Tutta l'Italia diventa una "zona protetta"

Da martedì mattina i provvedimenti adottati in Lombardia e in altre 14 province saranno estesi a tutto il paese.

poliziotto controlla automobilista

Da domani queste scene diventeranno la quotidianità per tutti gli italiani.

Keystone / Andrea Fasani

"Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare tutte le nostre abitudini […] ma non abbiamo più tempo: c'è una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate e delle persone decedute […]. Quindi dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell'Italia e lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo subito a queste norme più stringenti".

"Se la salute pubblica dei cittadini è messa a repentaglio, siamo costretti a scegliere e a imporre dei sacrifici per quanto riguarda gli interessi pur meritevoli di tutela".

È con queste parole che il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha annunciato che varerà nelle prossime ore un provvedimento che in pratica estende a tutta l'Italia le misure già prese domenica in Lombardia e in altre 14 province.

Un provvedimento – ha proseguito Conte – "che possiamo sintetizzare con l'espressione 'io resto a casa'; non ci sarà più una zona rossa […], ci sarà l'Italia zona protetta".

 Un bilancio sempre più pesante

In Italia nelle ultime 24 ore – stando al bilancio comunicato lunedì dalla Protezione Civile – si sono registrati 1'598 nuovi casi, ciò che porta a 7'985 il numero di persone contagiate; 97 persone hanno perso la vita (463 dall'inizio dell'epidemia).

Sono ricoverate in terapia intensiva 733 persone (+83 rispetto a ieri).

Fine della finestrella

Il decreto prevede, tra l'altro, un divieto di assembramento in tutto il paese, la possibilità di spostarsi solo per comprovati motivi di lavoro, per situazioni di necessità o motivi di salute.

Per gli spostamenti è prevista l'autocertificazione (che si può scaricare quiLink esterno). In caso di violazione delle norme si può incorrere in multe fino a 206 euro e tre mesi di carcere.

Fino al tre aprile le scuole rimarranno chiuse e tutte le manifestazioni sportive – campionato di calcio compreso – sospese.

Gli ingressi in Italia verranno inoltre controllati. Non è invece "all'ordine del giorno - ha proseguito il presidente del Consiglio - una limitazione dei trasporti pubblici: questo per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare".

+ L'evoluzione dei contagi nel mondo (Università John Hopkins)Link esterno


Parole chiave