Navigation

Pirati informatici all'arrembaggio contro Macron

Con un annuncio a sorpresa nella notte la campagna elettorale di Emmanuel Macron ha denunciato un attacco di hacker "massiccio e coordinato" ai danni del candidato all’Eliseo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2017 - 13:14
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 06.05.2017)

 

Contenuto esterno

"Non si tratta in effetti di una semplice operazione di pirateria informatica - si legge in un comunicato di En Marche - ma di un tentativo di destabilizzare le elezioni presidenziali francesi".

Caselle di posta elettronica di vari responsabili del candidato all'Eliseo sono state piratate a partire da alcune settimane fa e "mail, documenti contabili, contratti etc.." sono stati pubblicati in rete. I testi 'rubati' sono stati fatti circolare "insieme a falsi documenti per seminare il dubbio e la disinformazione". Secondo la BBC, sono stati pubblicati 9 gigabytes di dati da un utente anonimo.

Gli autori di questa operazione "chiaramente volevano minare la campagna a poche ore dal secondo turno", in un tentativo di "destabilizzazione della democrazia, come si è già visto negli Stati Uniti durante la campagna presidenziale".

"Nessun documento compromettente"

Il movimento En Marche di Macron afferma che i documenti provenienti dall'attacco hacker sono "tutti legali ed espressione del normale funzionamento di una campagna presidenziale".

"Durante tutta la campagna En Marche è stato sempre il movimento più preso di mira da queste iniziative in modo intenso e ripetuto", si legge ancora nel documento di denuncia di En marche che fa appello ai media che "vogliano dare conto di questa operazione di assumersi le loro responsabilità in coscienza".

"Noi - conclude - prenderemo tutte le iniziative necessarie presso le autorità pubbliche e private per fare chiarezza su questa operazione inedita in una campagna elettorale francese. La gravità dei fatti è già una certezza e non tollereremo che gli interessi vitali della democrazia siano messi in pericolo".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.