Misure anti-Covid Chiuse tutte le scuole in zona rossa in Italia

Un uomo (a sx) e una donna (a dx) in abiti formali guardano dritti in camera da un tavolo di conferenza stampa

Il ministro della salute Roberto Speranza e la ministra agli affari regionali Mariastella Gelmini.

Keystone / Roberto Monaldo / Pool

Il premier italiano Mario Draghi ha firmato martedì il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che detta le misure anti-Covid in vigore nel Paese dal 6 marzo al 6 aprile. Dpcm i cui contenuti sono stati illustrati dal ministro della salute Roberto Speranza e dalla ministra per gli affari regionali Mariastella Gelmini al termine di una giornata che visto il ricovero in terapia intensiva di 222 persone in più e oltre 17'000 positivi. "Ci sono segnali robusti di ripresa della curva", ha detto Speranza.

Tra le misure di contrasto alla pandemia e di prevenzione del contagio, dettate dalla diffusione delle varianti di coronavirus che sta aggravando il quadro, è confermato il divieto di spostarsi tra regioni o province autonome se non per motivi di lavoro, salute o comprovata necessità. Si può andare nelle seconde case, ma solo se sono in fascia gialla o arancione.

Non è prevista la riapertura serale per i ristoranti in zona gialla né fino a pranzo in fascia arancione.

Scuole e servizi

La principale novità è la chiusura nelle zone rosse e arancioni delle scuole di ordine e grado, incluse dunque quelle dell'infanzia e le elementari. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza per gli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Nelle zone gialle, i presidenti delle regioni potranno disporre l'attività didattica a distanza nelle aree in cui vi siano più di 250 contagi settimanali ogni 100'000 abitanti o laddove abbiano adottato misure più stringenti a causa della gravità delle varianti o per via di un eccezionale peggioramento del quadro epidemiologico.

Secondo i risultati dell'ultima indagine dell'Istituto superiore di sanità (Iss), il 54% delle infezioni Covid-19 in Italia è dovuto alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% alla sudafricana.

Fine della finestrella

Nelle zone rosse, saranno inoltre chiusi i servizi alla persona come parrucchieri, barbieri e centri estetici.

Attività culturali e sportive

Dal 27 marzo, nelle zone gialle, è prevista l'apertura dei musei anche sabato e nei giorni festivi (prima di tale data consentita solo nei giorni infrasettimanali) e dei teatri e dei cinema, con posti a sedere preassegnati e nel rispetto delle norme di distanziamento. La capienza non potrà superare il 25% di quella massima, fino a 400 spettatori all'aperto e 200 al chiuso per sala.

Palestre, piscine e impianti sciistici resteranno invece chiusi almeno fino al 6 aprile.

Allentamenti

In tutte le zone è stato eliminato il divieto di asporto dopo le ore 18 (sarà consentito fino alle 22) per gli esercizi di commercio al dettaglio di bevande come le enoteche (ma non i bar). È escluso naturalmente un consumo sul posto.

Nelle zone bianche restano solo l'applicazione delle misure anti-contagio generali, come l'obbligo di mascherina e distanziamento, e la sospensione delle attività che comportano assembramenti quali fiere, congressi, discoteche e pubblico negli stadi.

Sono istituiti presso il Ministero della salute tavoli di confronto con le regioni, alla presenza degli esperti, per monitorare gli effetti degli allentamenti, rispettivamente rivedere o aggiornare i parametri per la valutazione del rischio epidemiologico.

Il corrispondente RSI da Roma commenta i contenuti e le modalità con cui è stato varato il decreto.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 02.03.2021)

Parole chiave