Navigation

Ritorna lentamente la calma a Bondo

La pioggia non ha provocato altre colate di fango o scoscendimenti in Val Bregaglia nella notte fra venerdì e sabato e la strada del Maloja ha potuto essere riaperta. I lavori di sgombero dovrebbero proseguire per qualche giorno.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 settembre 2017 - 13:25
tvsvizzera.it/Zz con RSI (TG del 02.09.2017)
Contenuto esterno



Dopo la paura si sta riprendendo fiato a Bondo dove i temuti ulteriori scoscendimenti non si sono verificati nella notte tra venerdì e sabato. A mezzanotte la strada del Maloja, che i detriti avevano bloccato, è stata sgomberata e la Val Bregaglia è dunque nuovamente raggiungibile dall’Engadina. 

Sabato a mezzogiorno la strada per la Val Chiavenna era ancora bloccata, ricoperta in un punto da un metro di fango. 

I lavori dovrebbero proseguire per qualche giorno, se la meteorologia sarà clemente. Si spera che il freddo arrivi in fretta e aiuti a dare stabilità al materiale a monte scongiurando altre devastanti colate.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.