Diplomazia internazionale Le sfide dell'Onu a 75 anni dalla sua fondazione

La sede dell Onu a New York vista dall alto.

Per il futuro, le priorità sono chiare: accesso universale alla salute, rafforzamento della solidarietà tra i popoli e le nazioni, ripensare l'economia mondiale contro le disuguaglianze.

Keystone / Mark Lennihan

Le Nazioni Unite festeggiano i 75 anni di esistenza. Un anniversario segnato dalle numerose tensioni tra le grandi potenze che minano l'organizzazione. Il segretario generale Antonio Guterres suona l'allarme e chiede più solidarietà.

La Carta delle Nazioni Unite fu adottata alla fine della Conferenza di San Francisco negli Stati Uniti il 26 giugno 1945 dai rappresentati di 51 nazioni in guerra contro l’Asse. Entrò in vigore il 24 ottobre 1945.

Questo trattato definisce gli scopi e i principi delle Nazioni Unite e la composizione, le funzioni e i poteri del Consiglio di Sicurezza, dell'Assemblea Generale, della Corte Internazionale di Giustizia, del Consiglio Economico e Sociale, del Consiglio di Amministrazione e del Segretariato Generale.

"Reinventare" un mondo colpito dalla pandemia

Alla vigilia di questo anniversario, il Segretario generale dell'Onu ha chiesto una "reinvenzione" più multilaterale del mondo colpito dalla pandemia, sperando in un vertice a settembre dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza per alleviare le sue divisioni.

"Sono ancora speranzoso che un vertice P5 sia possibile prima dell'Assemblea generale dell'Onu", ha detto Antonio Guterres ai giornalisti. "La diplomazia riguarda il contatto, la presenza. Niente può sostituire i contatti personali, la diplomazia personale (...) che possono generare empatia, consenso, la sensazione comune di lavorare insieme per affrontare le sfide drammatiche che dobbiamo affrontare", ha spiegato.

Divisioni accresciute nel Consiglio di sicurezza

Dallo scorso marzo, a causa della pandemia, le Nazioni Unite hanno funzionato principalmente in un mondo virtuale, e le divisioni nel Consiglio di sicurezza sono diventate ancora più marcate, in particolare tra gli Stati Uniti e la Cina, due membri permanenti del Consiglio insieme a Russia, Francia e Regno Unito.

Per molti dei suoi critici, le Nazioni Unite sono ormai obsolete e inefficaci. I suoi sostenitori, tuttavia, sottolineano che l'organizzazione è solo la somma delle volontà dei suoi membri e non può risolvere i conflitti da sola.

"Non possiamo tornare a come erano le cose e semplicemente ricreare i sistemi che hanno peggiorato la crisi. Dobbiamo ricostruire meglio con società ed economie più sostenibili, inclusive e di genere", ha detto il segretario generale.

Per il futuro, le priorità sono chiare: accesso universale alla salute, rafforzamento della solidarietà tra i popoli e le nazioni, ripensare l'economia mondiale contro le disuguaglianze. Nel 75esimo anniversario della Carta, "dobbiamo ri-immaginare il modo in cui le nazioni cooperano", ha concluso Guterres.

Qui potete vedere il messaggio Link esternodel segretario generale dell'Onu. Mentre qui di seguito il servizio del telegiornale: