Navigation

Alta orologeria, un affare per assicuratori

Ogni tanto, racconta Anne-Claire Bisch-Saffiotti, qualche orologio sparisce pure... © KEYSTONE / SALVATORE DI NOLFI

Il Salone internazionale dell'alta orologeria di Ginevra (SIHH) è una grande opportunità di lavoro anche per i cosiddetti broker, mediatrici e mediatori fra i proprietari di orologi di lusso e le compagnie assicurative. La Radiotelevisione svizzera ne ha incontrata una.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 gennaio 2019 - 21:30
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 16.01.2019)

Anne-Claire Bisch-Saffiotti è tra i personaggi più importanti, dietro le quinte del SaloneLink esterno, dove tra chi indossa, chi trasporta e chi espone, sono moltissimi i gioielli da assicurare.

Da sola, questa signora gestisce un quinto dei contratti, per una somma globale che può raggiungere il miliardo di franchi.

Bisch-Saffiotti spiega come il lavoro cominci ben prima dell'evento e come sia necessario prestare attenzione proprio a tutto. Anche al contatto coi giornalisti.

Contenuto esterno

E rivela che sì: ogni tanto, qualche orologio scompare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.