Navigation

Ziguele, l'altra metà del mare

Le donne di Ziguele si reinventano promuovendo numerose iniziative. ziguele.it

Una cooperativa al femminile si occupa, nel Levante ligure, di divulgazione scientifica, pesci, pescatori e anche di turismo sostenibile.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 agosto 2021 - 09:22
Checchino Antonini e Massimo Lauria, Rsinews

Il 47%, quasi la metà di chi - 120 milioni di persone - nel mondo guadagna direttamente dalla pesca, è costituito da donne sebbene pochissime di loro occupino posizioni di leadership. Le donne rappresentano poi l’85% della forza lavoro nel confezionamento del pescato, ma è raro per loro essere in posizioni di top management.

Questi dati della FAOLink esterno del 2015 ci dicono anche che le donne soffrono più degli uomini gli effetti di una pesca non sostenibile. Inoltre, secondo il Global Ocean Science Report 2020Link esterno, solo il 39% dei ricercatori scientifici oceanici nel mondo sono donne.

Quasi sempre le “donne della pesca” (compagne, mogli, figlie) svolgono le principali attività a terra: dallo sbarco del prodotto al trasferimento verso i mercati, dalla vendita al dettaglio alla gestione amministrativa dell’impresa.

Di questo e di altro ci hanno raccontato Maddalena Fava e Luca Tassara, animatori di una cooperativa “al femminile” - ZigueleLink esterno il suo nome - che opera a Camogli Link esterno(dal genovese, Ca’ de mugge’, casa delle mogli), nel Levante ligure. Una impresa che si occupa di divulgazione scientifica, pesca e turismo sostenibile all’interno di una pregiatissima area protetta marina, nel Parco di PortofinoLink esterno.

Grazie a questi interlocutori, le telecamere di "Oltre la news" hanno scoperto come quelle attività possano essere importanti per il monitoraggio delle acque, delle coste e dei fondali nel Mediterraneo, il luogo del pianeta in cui sono più evidenti gli effetti del climate change e dell’inquinamento chimico e acustico. Insomma, un mare di storie, di vecchi pescatori e giovani delfini.

Contenuto esterno



I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.