Navigation

La democrazia diretta passa anche da un libretto

L'opuscolo di voto del governo svizzero si è rifatto il trucco: una nuova veste grafica e il maggiore spazio dato agli argomenti dei comitati dovrebbero permettere di informare meglio i cittadini.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 luglio 2018 - 21:20
tvsvizzera.it/mar con RSI (TG del 30.7.2018)
Contenuto esterno


Con 5,4 milioni di esemplari, l'opuscolo delle spiegazioni di votoLink esterno redatto dal Governo è tra le pubblicazioni svizzere con la maggiore tiratura. Una cifra che va inoltre moltiplicata per quattro, poiché generalmente i cittadini svizzeri sono chiamati ogni anno quattro volte alle urne per esprimersi sui temi più disparati.

Attraverso questo libretto – libretto si fa per dire, poiché può arrivare anche a una settantina di pagine – le autorità informano i votanti sui punti principali del progetto, sulla domanda che figura sulla scheda, sugli argomenti a favore e contrari e naturalmente sulla posizione del governo.

Un caposaldo della democrazia diretta

Questo strumento è previsto dalla legge federale sui diritti politici. Secondo questa legge, ai testi in votazione deve essere allegata "una breve e oggettiva spiegazione del Consiglio federale (governo, ndr), che tenga anche conto delle opinioni di importante minoranze", ricorda la Cancelleria federale in un comunicatoLink esterno. In tale contesto – prosegue la nota – il Governo è tenuto a rispettare "i principi della completezza, dell'oggettività, della trasparenza e della proporzionalità".

In un mondo in cui il supporto cartaceo diventa sempre più raro, questo opuscolo potrebbe sembrare un residuo di tempi che furono. Tuttavia rimane un caposaldo per la democrazia diretta svizzera. La Cancelleria sottolinea infatti che almeno l'80% dei votanti fa capo a queste spiegazioni quando compila la scheda di voto.

I cittadini potranno scoprire il nuovo 'look' dell'opuscolo in occasione delle prossime votazioni del 23 settembre 2018. Il rifacimento è stato deciso per tenere meglio conto delle nuove abitudini di lettura.

In particolare sono stati rivisti i capitoli 'in breve', che forniscono tutte le informazioni necessarie ai lettori che non vogliono addentrarsi più di quel tanto nei meandri delle proposte.

Inoltre, i comitati referendari e d'iniziativa hanno ora lo stesso spazio riservato al governo per presentare i loro argomenti, ossia al massimo una pagina e mezzo ciascuno.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.