La televisione svizzera per l’Italia

Vladimir Putin pronuncia la parola “pace” per la prima volta

Diversi leader africani sono volati in Russia per affrontare il tema della guerra contro l'Ucraina e, per la prima volta dall'inizio del conflitto, Vladimir Putin pronuncia la parola "pace": "Siamo aperti - ha detto il presidente russo - a un dialogo costruttivo con coloro che desiderano la pace basandosi sul principio dell'equità e tenendo conto degli interessi legittimi delle parti. Apprezziamo l'approccio equilibrato dei Paesi africani e rispettiamo la loro posizione in favore del mantenimento della stabilità e la loro aspirazione a una politica pacifista".

Contenuto esterno

Dal canto loro, i leader africani – rappresentanti di Senegal, Repubblica del Congo, Uganda, Egitto, Zambia e Comore, per bocca del presidente sudafricano, hanno lanciato un appello: “Questa guerra deve finire. Bisogna parlare di pace. Questo conflitto ha conseguenze sui Paesi coinvolti e un impatto negativo sugli Stati africani e su molte altre nazioni in tutto il mondo”. Tra le richieste della delegazione africana, una de-escalation del conflitto da entrambe le parti e uno scambio di prigionieri di guerra oltre allo sblocco del trasporto di cereali attraverso il Mar Nero.

Putin si è detto pronto a prendere in considerazione le proposte africane per un piano di pace, ma che Kiev rifiuta il dialogo. Il presidente ucraino ha dal canto suo sottolineato, sabato mattina, che i negoziati si apriranno solo dopo un ritiro delle truppe russe.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR