Navigation

Trump in Vaticano, “un onore incontrare il Papa”

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 24 maggio 2017 - 21:03
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 24.5.2017)

È durato mezz'ora il colloquio in Vaticano tra Donald Trump e il Papa in cui è stato discusso in particolare l’argomento della pace in Medio Oriente.

Gli Usa e la Santa Sede, ha detto il presidente statunitense, “condividono molti valori fondamentali e cercano di impegnarsi globalmente per promuovere i diritti umani, combattere le sofferenze umane e proteggere la libertà religiose”.

Nel corso del colloquio Donald Trump ha rinnovato l'impegno degli Usa nel combattere la fame nel mondo, annunciando uno stanziamento di oltre 300 milioni, in particolare per le crisi in Yemen, Sudan, Somalia e Nigeria. “Incontrare Papa Francesco è stato l'onore di una vita.

Ho lasciato il Vaticano più determinato che mai a perseguire la pace nel mondo", ha scritto su Twitter il presidente statunitense dopo il vertice nel quale i due hanno affrontato il tema del contributo possibile delle comunità religiose nella lotta contro le sofferenze umane nelle crisi regionali (in particolare in Siria, Libia e nei territori controllati dall'Isis). 

Successivamente Donald Trump ha visto il segretario di Stato vaticano Pietro Parolin con il quale si è intrattenuto per circa un’ora. Durante la sosta a Roma, prima di giungere a Bruxelles, il presidente statunitense ha incontrato anche il capo dello Stato Sergio Mattarella e il premier Paolo Gentiloni.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.