Navigation

Videogiochi disciplina olimpica?

Non sarà per domani. Certo è che recentemente il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha aperto le porte al riconoscimento dei videogiochi, ovvero i videogiochi sportivi come disciplina sportiva al pari di quelle “tradizionali”. 

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 dicembre 2017 - 17:48
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


I punti in comune tra gli sport olimpici e gli eSports non sono evidenti ai non addetti ai lavori, ma esistono. Innanzitutto va detto che negli sport elettronici esiste già il professionismo e vi sono dei veri e propri allenamenti lunghi ed estenuanti (in alcuni casi addirittura di sedici ore al giorno), così come sono presenti gli infortuni, soprattutto delle articolazioni delle mani. Inoltre, le rassegne internazionali degli eSports attirano oramai migliaia di spettatori e milioni di telespettatori online.

Va aggiunto che ad ogni edizione dei giochi olimpici si aggiungono nuovi sport. A Tokyo 2020 ci saranno nuove discipline come surf, skateboard ed arrampicata, e il prossimo passo potrebbe essere proprio quello dei videogiochi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.