Navigation

Di sicuro torneremo a volare, forse

Il settore aveva già subito in passato delle oscillazioni, come quelle dovute all'11 settembre 2001 o alla crisi finanziaria del 2008, ma mai un crollo come quello attuale. Keystone / Ennio Leanza

Se prima bastava prenotare un viaggio e partire, oggi le cose sono più complicate. Ma quanto e come si potrà volare? 

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 maggio 2021 - 09:31

Trovatasi in un contesto già turbolento a causa delle polemiche incentrate sulle conseguenze climatiche, nell'ultimo anno l'aviazione civile ha inoltre subìto un netto colpo a causa del Covid. Remigio Ratti, professore universitario ed economista esperto in trasporti, affronta l'argomento nel capitolo di un saggio dedicato proprio agli effetti della pandemia, la cui pubblicazione è prevista nel 2021. 

Ritorno a una certa normalità non prima del 2024

Il settore aveva già subito in passato delle oscillazioni, come quelle dovute all'11 settembre 2001 o alla crisi finanziaria del 2008, ma mai un crollo come quello attuale. "Gli studi fatti presentano diversi scenari - spiega Ratti riferendosi al prossimo futuro dell'aviazione -, ma tutti sono in accordo sul fatto che, per tornare ad una certa normalità nel numero di voli, si dovrà attendere il 2024. Lo studio McKinsey prevede addirittura che, anche per allora, si potrà comunque raggiungere solo l'80% della capacità del 2019".

Le conseguenze sulle compagnie aeree e sui viaggiatori saranno  quindi forti. Per quanto riguarda questi ultimi, asserisce ancora il professore, si può affermare che la tendenza sarà quella di volare di meno, ma "bisogna tuttavia fare delle distinzioni tra i vari tipi di viaggiatori per provenienza geografica, categoria, eccetera".

Contenuto esterno

Tvsvizzera.it/Ma.Mi con Rsi

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.