La televisione svizzera per l’Italia

Via libera all’uccisione di un lupo nella Svizzera italiana

Un lupo sorpreso da una camera automatica nella regione di Baeretswil
Un lupo sorpreso da una camera automatica nella regione di Baeretswil Keystone

Giorni contati per il lupo che ha colpito nella regione a nord di Bellinzona. Il governo ticinese ha autorizzato il suo abbattimento.

La decisione è stata presa dopo l’ultima razzia di domenica scorsa, quando nel territorio di Arbedo-Castione (in località Prati della Gerra), non troppo distante dall’abitato, sono state sbranate tre pecore e otto agnelli. Dei 24 animali aggrediti, tra pecore e agnelli, 11 sono stati uccisi e 13 feriti.

Contenuto esterno

Per le autorità cantonali gli attacchi nel fondo valle della Riviera, dove sono numerosi gli allevamenti di capi da reddito, costituiscono una minaccia per il settore e “vi è dunque la necessità concreta di prevenire altri danni ad animali da reddito”. L’ordine di abbattimento del Consiglio di Stato ticinese, che sarà eseguito dai guardacaccia dell’Ufficio cantonale di caccia e pesca, ha validità di 60 giorni.

Si tratta di un provvedimento contemplato dalle disposizioni federali, nello specifico dall’Ordinanza federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici, secondo cui il Cantone può rilasciare un’autorizzazione di abbattimento per singoli lupi che causano danni rilevanti ad animali da reddito, in particolare se il predatore ha ucciso almeno dieci ovini nell’arco di quattro mesi.

Per poter essere conteggiati gli animali predati devono inoltre essere protetti adeguatamente, com’è appunto il caso dell’attacco a Castione. Sulla base dei dati a disposizione, precisa Bellinzona, in Riviera come pure nella bassa Mesolcina non è mai stata accertata la presenza di un branco di lupi. Ne consegue che l’attacco di domenica scorsa “è da ricondurre a lupi singoli”.

A inizio dicembre un giovane lupo era già stato soppresso nella Valle di Blenio, poco più a nord, dopo che questo predatore e altri esemplari appartenenti allo stesso branco si erano resi responsabili di diverse aggressioni tra agosto e ottobre.  


Attualità

La bandiera della Cina posata sulla luna.

Altri sviluppi

La Cina nuova potenza nella corsa allo spazio

Questo contenuto è stato pubblicato al La missione lunare cinese è tornata sulla Terra: ha raccolto i primi campioni dal lato più nascosto della Luna. Si tratta di una prima mondiale nell'esplorazione spaziale, e di una vittoria contro i rivali statunitensi nel dominio spaziale.

Di più La Cina nuova potenza nella corsa allo spazio
Un'antenna meteo in Vallese.

Altri sviluppi

MeteoSvizzera sarà ancora più precisa nelle sue previsioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Le previsioni del tempo in Svizzera saranno ancora più precise. MeteoSvizzera si è infatti dotata di un nuovo modello, “Icon”, che dovrebbe renderle più accurate, soprattutto nella regione alpina

Di più MeteoSvizzera sarà ancora più precisa nelle sue previsioni
Il ministro della difesa russo Sergei Shoigu (destra) e il capo di Stato Maggiore Valery Gerasimov.

Altri sviluppi

CPI: mandati d’arresto per Shoigu e Gerasimov

Questo contenuto è stato pubblicato al La Corte penale internazionale (CPI) ha emesso mandati d'arresto per l'ex ministro della difesa russo Serghei Shoigu e per il capo di Stato maggiore Valery Gerasimov. Lo si legge sul sito della stessa Corte.

Di più CPI: mandati d’arresto per Shoigu e Gerasimov
cartello con scritta free assange

Altri sviluppi

Julian Assange è libero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo cinque anni di carcere a Londra, il fondatore di Wikileaks Julian Assange è libero e ha lasciato il Regno Unito per tornare in Australia.

Di più Julian Assange è libero
L'ex stella del calcio brasiliano Ronaldinho ha inaugurato il primo ristorante che porta il suo nome, l'R10 Burger a Chatelaine, vicino a Ginevra.

Altri sviluppi

Ronaldinho ha aperto un ristorante a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al L'ex stella del calcio brasiliano Ronaldinho ha aperto il suo primo ristorante vicino a Ginevra. Il ristorante serve hamburger e si chiama "R10", come il numero di maglia del famoso calciatore.

Di più Ronaldinho ha aperto un ristorante a Ginevra

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR