Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Venghino sior e siòre La lotta per la sopravvivenza dei circhi elvetici

In Svizzera vi sono circa 50 circhi tra grandi e piccoli. In una società in cui l’offerta di svaghi e divertimenti è sempre più vasta, queste strutture devono dar prova di ingegno per continuare ad esistere.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le origini del circo si perdono nella notte dei tempi. I “ludi circenses” dei romani, con le corse con le bighe, i combattimenti dei gladiatori o le esibizioni di acrobati; i giullari e menestrelli medievali; la passione per gli animali esotici nel Rinascimento…

È però solo alla fine del ‘700 che il circo nasce veramente nella sua accezione moderna. In un’arena attorniata da tribune, il cavallerizzo britannico Philip Astley presentava al pubblico animali e cavalli ammaestrati, esercizi acrobatici, pantomime e scenette clownesche, ricorda il Dizionario storico della SvizzeraLink esterno.

Nella Confederazione, i primi circhi itineranti arrivarono nel XIX secolo. La famiglia di funamboli Knie, di origine viennese, fece una prima tournée nel 1814. Nel 1849 si stabilì definitivamente in Svizzera e fondò il Circo nazionale svizzero, che esiste ancora oggi ed è il più importante circo elvetico.

Oggi queste strutture – grandi o piccole esse siano – sono confrontate con una concorrenza sempre più spietata di altre forme di intrattenimento, un po’ come era già accaduto negli anni ’50 con l’avvento di cinema e televisione. Una concorrenza che però spinge i circhi a reinventarsi.

tvsvizzera.it/mar con RSI

×