Navigation

USA, la lotta al riscaldamento climatico è sempre più difficile

I giudici conservatori decidono ancora una volta le sorti dell'America. Copyright 2022 The Associated Press. All Rights Reserved

Una nuova sentenza della Corte Suprema statunitense sta facendo discutere: la maggioranza conservatrice ha infatti limitato i poteri d’intervento dell’autorità federale in materia ambientale.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 giugno 2022 - 21:05
tvsvizzera.it/mrj

Nessuna lotta al riscaldamento climatico sarà possibile senza l'avallo del congresso, quindi. L’Agenzia federale per la protezione dell’ambiente (EPA) non ha l’autonomia di regolamentare le emissioni inquinanti di CO2. Si tratta di una battuta d'arresto per gli sforzi dell'amministrazione Biden in favore del clima.

Contenuto esterno

La decisione è stata avallata da sei giudici (conservatori) su nove, proprio come è successo qualche giorno fa per l’abolizione del diritto all’aborto. La sentenza spazza via il decreto esecutivo firmato da Barack Obama nell’agosto 2015, il cosiddetto “Piano per l’energia pulita”.

Per il giudice capo della Corte “bloccare le emissioni di anidride carbonica può essere ragionevole, ma non è plausibile che il Congresso abbia dato all’agenzia federale l'autorità di adottare da sola un tale schema normativo". A questo punto, senza una maggioranza al Congresso, ogni tentativo di limitare il riscaldamento climatico è impossibile.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?