Navigation

Una terza dose di vaccino che divide Stati Uniti e OMS

In molti Paesi africani, come in Senegal, il tasso di vaccinazione non supera il 10%. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Mentre per l'Organizzazione mondiale della sanità è ancora troppo presto per procedere a un terzo richiamo, anche alla luce dei bisogni nei Paesi dove il vaccino scarseggia, gli Stati Uniti distribuiranno una terza dose a partire dal 20 settembre.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 agosto 2021 - 13:05
tvsvizzera.it/mar con Keystone-ATS

"Pensiamo chiaramente che i dati attuali non indichino che un richiamo sia necessario", ha dichiarato mercoledì nel corso di una conferenza stampa a Ginevra la responsabile scientifica dell'OMS, Soumya Swaminathan. Bisogna "aspettare che la scienza ci dica quando un richiamo è necessario e per quali gruppi di persone e per quali vaccini" ci sia bisogno di una terza dose, ha proseguito.

Inoltre, ha sottolineato Soumya Swaminathan, da un punto di vista "morale ed etico" non è un buon messaggio se i Paesi ricchi inoculino una terza dose quando "nel resto del mondo si aspetta ancora la prima iniezione".

Poco dopo la conferenza stampa dell'OMS, gli Stati Uniti hanno annunciato che intendono procedere a una campagna di richiamo per i vaccini Pfizer e Moderna a partire dal 20 settembre. Israele - ricordiamo - aveva già compiuto lo stesso passo qualche giorno fa per le persone più anziane.

"I dati disponibili mostrano chiaramente che la protezione contro l'infezione da coronavirus diminuisce con il tempo, e in coincidenza con la variante Delta, iniziamo a vedere una protezione ridotta contro la malattia in forma moderata e lieve. Abbiamo concluso che un richiamo sia necessario per massimizzare la protezione da vaccino e prolungare la sua durata", si legge in una nota del Centro per la prevenzione delle malattie statunitense.

Contenuto esterno

Due giubbotti di salvataggio

Iniettare una terza dose ora è come "distribuire un altro giubbotto di salvataggio a persone che ne hanno già uno, mentre lasciamo affogare altre persone che non ne hanno neppure uno", ha sottolineato Mike Ryan, responsabile del programma di emergenze sanitarie dell'OMS.

Il direttore generale dell'organizzazione Tedros Adhanom Ghebreyesus ha da parte sua invitato i leader a guardare oltre "i ristretti obiettivi nazionalistici ".

Tedros Adhanom Ghebreyesus si è inoltre detto "sbalordito dai rapporti secondo cui i vaccini della Johnson & Johnson assemblati e confezionati in Sudafrica stanno lasciando il continente per essere consegnati in Europa" e ha invitato l'azienda statunitense a dare urgente priorità all'Africa.

La Svizzera attendista

Nella Confederazione non è per ora stata presa alcuna decisione circa il bisogno di una terza dose.

A medio termine sarà verosimilmente necessaria, ha indicato martedì Patrick Mathys, dell'Ufficio federale della sanità pubblica.

Per il ministro della sanità Alain Berset è ancora troppo presto per pronunciarsi. "Quello che è certo - ha dichiarato in un'intervista alla Südostschweiz - è che questa decisione non sarà presa dalle aziende farmaceutiche".

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.