Navigation

Una pillola per combattere il Covid-19

La pillola prodotta dall'americana Merck. Keystone / Handout

Si sta ampliando l'armamentario farmacologico a disposizione per combattere la pandemia. L'Agenzia europea del farmaco ha dato avvio lunedì all'esame accelerato dei dati clinici e scientifici (rolling review) sulla pillola antivirale contro il Covid prodotta dalla casa farmaceutica Merck.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2021 - 21:07
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

E anche in Svizzera, secondo quanto ci ha comunicato Swissmedic, è in corso da agosto la fase di valutazione. Nell'ipotesi in cui la valutazione degli istituti di certificazione dia esito positivo, come promettono i rilievi comunicati dalla casa produttrice, il Molnupiravir diventerebbe il primo farmaco antivirale orale per il trattamento della malattia innescata dal virus Sars-CoV-2: i tempi per la sua valutazione sono solitamente stimati in 2-3 mesi.

La Merck ha depositato due settimane fa un'analoga richiesta di autorizzazione d'urgenza anche all'agenzia americana Food and Drug Admnistration (Fda) per il suo medicamento che, secondo uno studio clinico preliminare, dimezzerebbe i rischi di ospedalizzazione e di decesso dei pazienti affetti da Covid.

Ma l'interesse per il farmaco della Merck, nonostante le autorità regolatorie non abbiano ancora approvato la sua vendita, è forte anche nel resto del Mondo: nell'Estremo Oriente, secondo quanto riferisce la Cnn, almeno otto paesi hanno già firmato contratti o sono in trattative avanzate per produrre su licenza il Molnupiravir, che secondo alcuni esperti potrebbe rappresentare un punto di svolta nella lotta al coronavirus.

E la sua facile somministrazione, una semplice pillola assunta per via orale, rende questo medicamento assai ricercato soprattutto nelle aree periferiche e più disagiate del pianeta. Ammesso, beninteso, che i costi del farmaco siano accessibili.

Sul farmaco della Merck le considerazioni al Tg di Alessandro Ceschi, dell'Istituto scienze farmacologiche dell'Ente ospedaliero cantonale ticinese (Eoc).   

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.