La televisione svizzera per l’Italia

Una petizione chiede la revoca del dottorato honoris causa a Mussolini

documento
L'attestato conferito dall'Università di Losanna a Benito Mussolini. tvsvizzera

In occasione di una conferenza-dibattito sul tema organizzata giovedì all'Università di Losanna, un comitato ha presentato una petizione munita di 1'200 firme per revocare il dottorato honoris causa conferito a Benito Mussolini dall'ateneo vodese nel 1937.

È decisamente un’annosa questione quella legata al dottorato del dittatore italiano. Dopo che un anno fa l’Università di Losanna (UNIL) aveva deciso di non revocare il prestigioso titolo al dittatore italiano, un comitato è tornato alla carica, presentando una petizione in tal senso.

“Gli eventi storici possono e devono essere continuamente esplorati e reinterpretati in modo da diventare una fonte di apprendimento continuo per le generazioni successive. Questa continua reinterpretazione può e deve anche portare a decisioni sulle scelte fatte in passato”, spiega il comitato promotore sul suo sitoCollegamento esterno.

Revocare il dottorato honoris causa conferito a Mussolini “sarebbe un’espressione di rispetto per le milioni di vittime e sottolineerebbe la difesa dei valori di coloro che oggi si oppongono alla rinascita di idee e atteggiamenti che, 100 anni fa, hanno costituito l’inizio del più grande terrore che il mondo abbia conosciuto nel XX secolo”.

+ La lunga ombra del dottor Mussolini

Un anno fa, dopo che era riesplosa la polemica, l’ateneo vodese aveva deciso di non compiere un simile passo, pur concedendo che l’università nel 1937 era “venuta meno alla sua missione e ai suoi valori accademici fondati sul rispetto dell’individuo e della libertà di pensiero”.

Nello stesso tempo, l’UNIL aveva deciso di prendere quattro provvedimentiCollegamento esterno per guidare una “politica basata sulla memoria”: la pubblicazione degli archivi legati a questa vicenda su un sito apposito, la creazione di un fondo per lanciare dei progetti di studio, l’istituzione di un premio di ricerca e la sensibilizzazione del corpo studentesco alle ideologie fasciste.

Attualità

Joe Biden

Altri sviluppi

Biden ha il Covid

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha contratto l'infezione ma assicura di sentirsi bene. La notizia rischia però di far aumentare la pressione per un suo possibile ritiro dalla corsa elettorale

Di più Biden ha il Covid
La presidente Viola Amherd (a destra) con alcuni partecipanti al vertice della Comunità politica europea.

Altri sviluppi

Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea

Questo contenuto è stato pubblicato al Si è aperto oggi al Blenheim Palace di Woodstock, comune del sud dell'Inghilterra nei pressi di Oxford, il quarto vertice della Comunità politica europea (CPE).

Di più Viola Amherd al quarto vertice della Comunità politica europea
Container al porto fluviale di Basilea.

Altri sviluppi

Ripresa del commercio estero svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo un inizio d'anno poco dinamico le esportazioni sono tornate a crescere con vigore nel secondo trimestre.

Di più Ripresa del commercio estero svizzero
Il Tribunale penale federale a Bellinzona.

Altri sviluppi

Algerino rinviato a giudizio per terrorismo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Procura federale il presunto militante dello Stato Islamico (ISIS), la cui domanda d'asilo in Svizzera era stata respinta, progettava un attentato in Francia.

Di più Algerino rinviato a giudizio per terrorismo
Traffico veicolare in una città svizzera.

Altri sviluppi

Radar anti-rumore a Ginevra

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha testato lo scorso anno nella città di Calvino alcuni nuovi apparecchi, nell'ambito di un progetto pilota che ha lo scopo di sanzionare in modo più efficace il rumore eccessivo sulle strade.

Di più Radar anti-rumore a Ginevra
prigionieri di guerra salgono su un bus.

Altri sviluppi

Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

Questo contenuto è stato pubblicato al Russia e Ucraina hanno liberato 95 prigionieri di guerra a testa, a meno di un mese dal precedente scambio.

Di più Scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR