Navigation

Una nuova inchiesta svela l'uso di armi svizzere in zone di guerra

Carrarmato in dotazione alle forze armate svizzere. © Keystone / Urs Flueeler

Ogni anno, la Svizzera esporta nel mondo diverse centinaia di milioni di franchi svizzeri di materiale militare. Anche se la legge proibisce la fornitura di armi a paesi in guerra, le armi svizzere sono utilizzate nei conflitti, come ha dimostrato una nuova inchiesta di diversi media.

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 febbraio 2022 - 19:00
Falò (RSI)/Temps Présent (RTS)

Per evitare che le armi fabbricate in Svizzera siano utilizzate in violazione dei diritti dell'uomo, le esportazioni di materiale bellico sono soggette a diverse restrizioniLink esterno. La legge svizzera vieta la vendita di armi a paesi in conflitto e i paesi di destinazione devono impegnarsi a non riesportare le armi.

Tuttavia, una nuova inchiesta giornalistica congiunta rivela la presenza illegale di materiale militare svizzero in conflitti armati in Afghanistan e Yemen, e il suo utilizzo contro i civili. Accompagnati dall'ONG olandese Lighthouse ReportsLink esterno, una dozzina di giornalisti del gruppo radiotelevisivo pubblico SSRLink esterno (anche casa madre di tvsvizzera.it) e il settimanale NZZ am Sonntag hanno decodificato centinaia di video e foto disponibili su internet. Queste analisi sono state successivamente confermate sul campo.

Contenuto esterno

Aerei civili Pilatus coinvolti in bombardamenti

Un aspetto dell'indagine rivela l'uso di un aereo Pilatus svizzero, un PC-12, come veicolo di ricognizione per gli attacchi in Afghanistan. In particolare, la Radiotelevisione svizzera (RTS) rivela "l'importanza strategica" dell'aereo in un attentato mortale nel luglio 2021. I giornalisti dell'emissione Temps Présent hanno incontrato testimoni che affermano che l'attacco ha causato vittime tra i talebani, ma anche tra la popolazione civile.

Secondo il team investigativo, l'aereo faceva parte di un lotto di 18 aerei esportati dalla Svizzera agli Stati Uniti e poi in Afghanistan per essere consegnati alle forze armate afghane. Gli aerei Pilatus sono presentati come aerei civili ed esportati come tali. "Il PC-12 non è considerato un velivolo militare, e nemmeno un velivolo "a doppio uso". La vendita è quindi sfuggita a qualsiasi controllo sull'esportazione di materiale bellico", ha detto la RTS.

L'aereo consegnato agli Stati Uniti ha subito modifiche prima di essere inviato in Afghanistan. "Una doppia porta pressurizzata, antenne, telecamere e altre attrezzature di sorveglianza sono state aggiunte", secondo la redazione del servizio pubblico. Anche Pilatus loda la versatilità del modello, che può "in pochi minuti essere trasformato per molte missioni speciali".

Quando i talebani presero il potere nell'agosto 2021, c'erano anche segnali che diversi aerei Pilatus dell'esercito americano e afghano erano caduti nelle loro mani. La RTS è stata in grado di ottenere immagini che dimostrano che i talebani erano in possesso di almeno due aerei (né il governo svizzero, né l'azienda hanno però voluto commentare il caso).

Fucili d'assalto svizzeri nello Yemen

Un'altra parte di questa vasta indagine conferma che l'Arabia Saudita ha usato armi svizzere contro i ribelli Houthi nello Yemen. I giornalisti basano la loro affermazione sulle immagini di un'operazione delle forze navali saudite, in cui almeno tre dei soldati filmati portavano delle Sig Sauer 551. Questi fucili d'assalto, prodotti nel cantone Sciaffusa "hanno effettivamente alcune caratteristiche molto particolari", come spiega la RTS.

I giornalisti sono anche in grado di affermare che queste immagini sono state girate sull'arcipelago di Hanish, un territorio yemenita considerato strategico.

"Ci sono chiare prove (...) dell'uso di armi svizzere in un'operazione in Yemen, che ha un impatto sulla vita dei civili", ha detto Leone Hadavi di Lighthouse Reports, citato dalla Radiotelevisione svizzera. Il paese è stato diviso in due per più di sei anni tra gli Houthis sostenuti dall'Iran e le forze lealiste sostenute dai sauditi. Un blocco marittimo e aereo impedisce a milioni di civili di accedere alla maggior parte dei prodotti essenziali.

Già nel 2018, il quotidiano Blick aveva messo in guardia sull'uso di armi svizzere in questa guerra sporca, ma la Segreteria dell'economia (SECO), responsabile del controllo delle esportazioni di materiale bellico, non aveva trovato le accuse fondate, ricorda la RTS.

La SECO ha confermato a Temps Présent che 106 fucili d'assalto e 300 pistole mitragliatrici sono stati esportati in Arabia Saudita, ma ha sottolineato che queste vendite risalgono al 2006, prima dell'inizio del conflitto. La Svizzera controlla l'uso del materiale bellico che vende solo dal 2012. Nel 2021, il parlamento ha respinto una mozione per vietare tutte le vendite di armi all'Arabia Saudita (né il governo, né la fabbrica Sig Sauer hanno voluto commentare l'uso di queste armi nel conflitto in Yemen).

"Ipocrisia" denunciata

Chiamato a commentare queste rivelazioni, il deputato socialista Baptiste Hurni ha detto alla radiotelevisione svizzera che "la legislazione svizzera evidenzia una doppia ipocrisia", per quanto riguarda la definizione delle zone di guerra da un lato e, dall'altro, su ciò che è considerato materiale militare. Il parlamentare ritiene inoltre che il controprogetto che rende più severe le condizioni per le esportazioni adottato nel 202 non cambierà molto.

"L'Arabia Saudita non era considerata una zona di guerra, anche se si sapeva che era un luogo estremamente instabile: questa è la prima ipocrisia", ha detto. "La seconda ipocrisia è quella che io chiamo la 'sindrome della mazza da baseball': se vendi dieci mazze da baseball a un gruppo criminale, puoi dire che ci giocheranno a baseball? No, presumibilmente li useranno per scopi criminali. Secondo il consigliere nazionale di sinistra, "questo è esattamente quello che è successo" con l'aereo Pilatus.

Svizzera, un "fornitore molto piccolo"

A destra dello spettro politico, l'opinione è che finché la Svizzera vende materiale bellico, è difficile impedirne l'uso nei conflitti. Questi oggetti possono essere rivenduti e purtroppo finiscono in paesi terzi in conflitto, ha detto il senatore liberale Olivier Français alla RTS. Dobbiamo anche consolidare la nostra difesa, quindi non possiamo disarmare completamente il nostro paese.

Anche se non ritiene utile cambiare il sistema, Olivier Français riconosce che la tracciabilità è un problema. L'equipaggiamento svizzero venduto all'estero non dovrebbe essere riesportato, ma l'inchiesta mostra che ciò è avvenuto nel caso del Pilatus venuto alla luce ora.

Il senatore ha aggiunto che la Svizzera è "un fornitore molto piccolo (...) rispetto a molti altri paesi intorno a noi". In effetti nel 2019 e nel 2020, la Svizzera ha rappresentato meno dell'1% del volume globale delle esportazioni di armi. Tuttavia, il settore è importante non solo per la sicurezza, ma anche per l'economia svizzera: l'importo delle esportazioni svizzere di materiale bellico è aumentato costantemente dal 2016 e ha raggiunto un livello record nel 2020, a più di 900 milioni di franchi.

La puntata di Temps Présent della RTS su questo spinoso caso.

Contenuto esterno




I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?