Navigation

Un nuovo reato per salvare la terra

Specie minacciate per la bramosia del denaro. Keystone / Monirul Alam

I crimini ambientali sono in costante crescita e si stanno moltiplicando visto che fruttano, nell'impunità, parecchio denaro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2021 - 10:58
Luciana Grosso, Rsinews

Potrebbe presto essere istituito, almeno all’interno dell’Unione Europea, un nuovo reato internazionale: quello di ‘ecocidio’, parola nuova che significa ‘uccisione dell’ambiente'.

La creazione del nuovo crimine è in discussione al Parlamento europeo, che intende avviare l’iter per il suo riconoscimento, la sua equiparazione al reato di genocidio e, dunque, la sua ammissibilità al giudizio della Corte Penale Internazionale Link esternodell’Aia.

Contenuto esterno

Se la procedura arrivasse a termine, le aziende responsabili di gravi danni ambientali, potrebbero essere giudicate per i danni causati, indipendentemente dalle leggi in vigore nei Paesi nel quale il danno effettivamente si verifica.

Le conseguenze concrete e penali dell’istituzione del nuovo reato sarebbero pesantissime e, nei casi più gravi, potrebbero portare alla detenzione dei capi d’azienda che si dovessero rendere direttamente o indirettamente responsabili di danni ambientali, come le fuoriuscite di petrolio, gli incendi, le dispersione di nubi tossiche e gli sversamenti di sostanze chimiche.

L’ipotesi di rendere così gravemente perseguibile il danno ambientale ha trovato, di recente, alcuni sostenitori di altissimo rango e peso, come Papa e il presidente francese Emanuel Macron. L’attivista Greta Thunberg, dal canto suo, ha donato 100.000 euro alla Fondazione StopEcocideLink esterno, che si batte proprio per l’istituzione del nuovo reato.

Non solo: in Belgio, i due partiti Verdi del Paese hanno presentato un disegno di legge sull'ecocidio che propone di affrontare la questione sia a livello nazionale sia internazionale e lo stesso hanno fatto i Verdi svedesi, mentre il Parlamento francese, pochi giorni fa, ha dato il via libera a un testo che prevede la nuova fattispecie penale. Senza dimenticare che AMBITUSLink esterno il progetto europeo che punta ad implementare azioni a lungo termine nella lotta ai crimini ambientali è condotto dal Ministero degli Interni francese,


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.