Navigation

Un altro afroamericano morto durante un arresto

Mentre gli Stati Uniti sono scossi dalle proteste per la morte di George Floyd nel corso di un arresto da parte della polizia di Minneapolis (Minnesota), spunta un nuovo video che testimonia il fermo finito tragicamente di un altro afroamericano a Tacoma, nello Stato di Washington.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 giugno 2020 - 13:00
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 6.6.2020)
Manifestazioni di protesta a Tacoma, città dove è morto un altro afroamericano durante un fermo di polizia. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Dalle immagini risalenti allo scorso 3 marzo si vede l'uomo di 33 anni, che si chiamava Manuel Ellis, scaraventato a terra dagli agenti che hanno continuato ad accanirsi su di lui con pugni e calci.

Il filmato, riporta il New York TimesLink esterno, è stato girato da una donna, che si trovava dietro all'automobile degli agenti, che a un certo punto si è messa a urlare "Smettetela di colpirlo, o mio Dio, smettetela". Secondo fonti della polizia sarebbe stata la vittima ad aggredire le forze dell'ordine.

Contenuto esterno


Il medico legale della contea di Pierce che ha effettuato l'autopsia ha scritto esplicitamente nelle conclusioni della perizia autoptica che si tratta di omicidio: il decesso è intervenuto per ipossia (mancanza di ossigeno) causata dalla coercizione fisica. Il servizio del TG:

La pattuglia avrebbe chiamato, come chiesto da Manuel Ellis, un'ambulanza con cui è stato trasferito in una struttura sanitaria ma dopo 40 minuti, riferiscono sempre fonti della polizia, i medici ne hanno constatato la morte.

In ogni caso il governatore dello Stato di Washington Jay Inslee ha chiesto un'inchiesta approfondita sulla vicenda mentre la sindaca di Tacoma Victoria Woodards ha invocato il licenziamento dei 4 agenti coinvolti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.