La televisione svizzera per l’Italia

UBS e Credit Suisse indagate negli USA per aiuti agli oligarchi russi

Clienti all esterno di un agenzia del Credit Suisse.
Fila di clienti all'esterno di un'agenzia del Credit Suisse. © Keystone / Salvatore Di Nolfi

Si profilano nuovi guai per UBS e Credit Suisse, che è stata appena rilevata dalla prima. Le autorità statunitensi stanno infatti indagando sui loro rapporti con facoltosi personaggi russi vicini al Cremlino.

Più precisamente il Dipartimento di Giustizia americano starebbe conducendo accertamenti su presunti aiuti che gli oligarchi russi avrebbero ricevuto dai due grossi gruppi bancari, prima della loro fusione, per eludere le sanzioni internazionali che gravavano nei loro confronti in seguito al conflitto in Ucraina, in particolare quelle che prescrivevano il congelamento dei loro beni presso gli istituti finanziari.

Secondo l’agenzia BloombergCollegamento esterno, che cita sue fonti, le due banche farebbero parte della lista stilata dagli inquirenti federali riguardante gli istituti finanziari in merito ai quali è stata inoltrata una formale richiesta di informazioni. Secondo indiscrezioni di stampa Credit Suisse gestiva una cifra superiore ai 30 miliardi di dollari riconducibili a clientela proveniente dalla Federazione Russa, vale a dire circa la metà di quella gestita da UBS, prima che chiudesse questo tipo di attività lo scorso mese di maggio.

Al Dipartimento di Giustizia statunitense preme soprattutto identificare i funzionari delle banche che hanno intrattenuto relazioni con i clienti oggetto di sanzioni. Riguardo a questi ultimi viene avanzata anche la richiesta relativa alle verifiche effettuate dagli istituti bancari nei loro confronti negli anni precedenti.

-UBS-Credit Suisse, tutto il mondo reagisce (con stupore)

Una volta ottenuti questi chiarimenti le autorità americane si riservano di procedere a ulteriori indagini sui banchieri e i consulenti individuati per esaminare l’eventualità che siano state infrante norme di legge.

In proposito né UBS, né Credit Suisse hanno voluto rilasciare dichiarazioni. Secondo però indiscrezioni a questo punto la seconda potrebbe rivedere l’elenco dei clienti di Credit Suisse cui dovrebbe garantire la continuità delle relazioni bancarie. 


Attualità

Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR