Navigation

Tributo giapponese a Giacometti

Arte nipponica in cartellone al Teatro Sociale di Bellinzona: in scena anche una pièce sul rapporto tra l'artista grigionese e un filosofo giapponese

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 novembre 2014 - 19:43

Il filosofo giapponese Isaku Yanaihara, amico di Alberto Giacometti, è stato anche suo modello. Al Teatro Sociale di Bellinzona è così stata messa in scena una pièce che parla proprio di questa amicizia particolare. Gustatevi il servizio passato sulla RSI LA1 nella trasmissione culturale "Turné".

Yanaihara, allora giovane studente di filosofia a Parigi, conobbe Giacometti nel 1955, ed in breve cominciò a posare per lui come modello, cosa che fece fino al suo rientro definitivo in Giappone nel 1961. Non solo, Yanaihara, con l'esplicito consenso di Giacometti, ebbe anche una relazione con sua moglie Annette. Posando, Yanaihara ebbe lunghe e approfondite discussioni con Giacometti sull'essenza dell'arte e sul senso del suo lavoro, discussioni che ebbero anche un diretto influsso sulla produzione dell'artista bregagliotto di quel periodo.

Quanto a Yanaihara, tornato in Giappone divenne professore di filosofia all'Università di Osaka ed una personalità di rilievo della vita culturale del suo Paese. Pubblicò in due libri la storia della sua relazione con Giacometti, contribuendo così a far conoscere l'artista svizzero in Giappone.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.