Navigation

25 anni fa nasceva l'Unione europea

Il 7 febbraio 1992 veniva firmata nella cittadina olandese di Maastricht il trattato sull'Unione europea che avviava l'integrazione politica. Un'Europa che oggi è più traballante che mai, scossa da crisi e movimenti populisti che spingono verso la disgregazione dell'Unione stessa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 febbraio 2017 - 12:47
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


I 12 paesi della Comunità europea si trovarono in Olanda per firmare quel trattato che fissava le regole politiche e i parametri economici e sociali necessari per l'ingresso dei vari Stati nell'Unione. Il trattato entrò in vigore il primo novembre 1993.

I paesi "fondatori": Italia, Spagna, Francia, Portogallo, Olanda, Lussemburgo, Belgio, Germania, Danimarca, Grecia

End of insertion

Il trattato di Maastricht si fonda su tre pilatri: la comunità europea, ovvero l'integrazione di CEE, (comunità economica euroepa) CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio) e CEEA (Comunià europa dell'energia atomica). Il secondo pilastro instaura la Politica estera e di sicurezza comune, infine il terzo pilastro riguarda la cooperazione nei settori della giustizia e degli affari interni.

Il trattato ha poi messo le basi per l'unione monetaria (euro) e la nascita della Banca centrale europea.

Oggi, a distanza di 25 anni, la convinzione europeista dei paesi è decisamente meno pronunciata. E l'istituzione stessa sta soffrendo, non da ultimo per la prossima uscita del Regno Unito e la crescente influenza dei movimenti populisti - antieuropeisti - che stanno prendendo il potere politico in tanti paesi europei.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.