Navigation

Cura dimagrante per FFS Cargo: via 800 impieghi

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 01 marzo 2018 - 17:17
tvsvizzera/spal con RSI (TG dell'1.3.2018)

Massiccia ristrutturazione per la società di trasporto merci delle Ferrovie federali svizzere: FFS Cargo prevede di sopprimere 330 impieghi entro il 2020.

Di questi, indica una nota dell’ex regia federale, un centinaio sarà tagliato nell'amministrazione, 80 tra i macchinisti e 150 tra gli operai. Ma la manovra proseguirà anche dopo tale anno.

I vertici dell’azienda ritengono infatti che alla fine del 2023 le prestazioni saranno fornite con solo un terzo del personale attuale, vale a dire da 1’400 invece che 2’200 dipendenti con conseguente ulteriore taglio di posti di lavoro (per un totale di 800).

Un’organizzazione più snella, sostiene la dirigenza, consentirà di stringere alleanze e collaborazioni con altri operatori del settore. Nella stragrande maggioranza dei casi (750) il piano sarà attuato attraverso la normale fluttuazione dell’organico, in particolare con gli attesi pensionamenti e sarà comunque stanziato un fondo di 10 milioni per i dipendenti toccati dalle misure correttive.

Gli interventi si rendono necessari, spiega sempre FFS Cargo, alla luce del calo della domanda in Svizzera e della perdita operativa di 37 milioni maturata l’anno scorso. L’azienda pensa di tornare in pareggio al più tardi nel 2020.  

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.