Navigation

Trasferta grigionese per il ministro italiano Speranza

Pandemia e ruolo dell'Oms nei colloqui che ha avuto il ministro italiano Speranza con il consigliere federale Berset. Keystone / Alessandro Di Meo

Sistemi sanitari a confronto nella visita di due giorni del ministro italiano Roberto Speranza che nel cantone retico ha incontrato il consigliere federale Alain Berset allo scopo di rafforzare la cooperazione tra i due paesi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 luglio 2022 - 12:13
tvsvizzera.it/spal

Pandemia, ruolo dell'organizzazione mondiale della sanità (Oms) e sfide di politica sanitaria sono stati al centro dei colloqui dei due politici che hanno dovuto gestire, tra mille pressioni e polemiche, la crisi del Covid-19 nei rispettivi Stati.

Grazie a questi incontri regolari, indica una nota di Berna, Svizzera e Italia cooperano strettamente in materia di sanità pubblica, dove le autorità sono alle prese con sempre nuove minacce, come quelle rappresentate oggi dal vaiolo delle scimmie e della ripresa dei contagi da coronavirus.

Tra i temi più prettamente politici è stata discussa la controversa questione dei vaccini, su cui proprio in queste settimane tornata d'attualità in relazione al dibattito sul secondo richiamo in vista della stagione autunnale. Ma più in ottica internazionale è stata accennata la problematica della distribuzione dei preparati immunizzanti ai paesi meno ricchi nell'ambito dell'iniziativa Covax.

Anche su questo punto Alain Berset e Roberto Speranza hanno convenuto sull'importanza dell’Organizzazione mondiale della sanità nella prevenzione e nella gestione delle pandemie e sulla necessità di rafforzarla, strutturalmente e finanziariamente.

La pandemia, a loro giudizio, ha messo infatti in evidenza il rilievo della cooperazione internazionale per affrontare le crisi e il buon funzionamento dei sistemi sanitari. In proposito è stata ricordata la collaborazione proficua che c'è stata nelle zone di confine tra i rispettivi paesi.

Il contenimento dei costi crescenti nel settore della salute e la digitalizzazione dei dati medici dei cittadini sono stati altri due temi di confronto tra i due ministri della sanità.

I due hanno infine visitato la base della Guardia aerea svizzera di soccorso (REGA) di Samedan, che ha garantito la presa a carico di pazienti Covid.
 

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?