Navigation

Retata della polizia ticinese in due locali a luci rosse

Keystone


Due persone sono finite in manette e una ventina di ragazze sono state denunciate ieri sera nel corso di un’operazione di polizia coordinata dalla procura ticinese in due postriboli lungo la strada cantonale del Monte Ceneri, in territorio di Cadenazzo nel Bellinzonese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2017 - 17:14
tvsvizzera/spal

Gli agenti hanno apposto i sigilli ai due esercizi pubblici, il Belvedere e il Ronco, e controllalo tutte le persone presenti. Delle 19 donne sottoposte a verifiche (12 brasiliane, 3 marocchine, 2 italiane, una romena e una cubana) solo una era in possesso di regolare permesso e tutte le altre sono state segnalate, a vario titolo, al Ministero pubblico cantonale per esercizio illecito della prostituzione, entrata, partenza e soggiorno illegali e attività lucrativa senza autorizzazione.

Ben più pesanti le misure prese nei confronti dei titolari dei due locali. I due responsabili del primo - un 81enne e un 55enne cittadini svizzeri – e l’amministratore del secondo – un croato 64enne – sono stati arrestati al termine dell’interrogatorio.

Su di loro pendono le accuse di promovimento ed esercizio illecito della prostituzione, frode fiscale, usura e infrazione alla legge federale sugli stranieri. Anche 11 avventori sono stati oggetto di verifiche da parte degli agenti cantonali.

I gerenti dei due locali, ai quali il municipio aveva negato il suo consenso all’istanza di cambiamento di destinazione, avevano ricorso contro tale decisione e nell’attesa del pronunciamento della giustizia avevano proseguito la loro attività in violazione delle disposizioni pianificatorie comunali.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.