Navigation

Timori per le norme sul lavoro eurocompatibili

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 29 agosto 2018 - 21:17
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 29.8.2018)

Le future modifiche delle norme sul mercato del lavoro svizzero, concordate con l'Ue, preoccupano soprattutto a sud delle Alpi.

Le misure adottate dalla Svizzera per compensare gli effetti negativi sul mercato interno degli accordi stipulati con l'Unione europea saranno al centro delle attenzioni dei deputati ticinesi a Berna nella sessione alle Camere che si aprirà tra una settimana e nella quale è previsto un incontro con il Ministro dell'economia Johann Schneider-Ammann.

Il cantone italofono è tra i più colpiti dalle norme sulla libera circolazione che hanno provocato pressioni sui salari e sulla manodopera ticinese e guarda con preoccupazione alle trattative in corso tra Berna e Bruxelles.

Come è noto per aderire in modo pieno al mercato unico, la Confederazione sta negoziando un'ulteriore intesa che renderà più "dinamico" il recepimento delle disposizioni europee nel suo ordinamento. Ma così facendo sarà costretta a eliminare tutele per la manodopera indigena su cui già diversi partiti, in particolare il PS, ha espresso la sua ferma contrarietà.

Fa in particolare discutere l'abrogazione della norma che impone l'obbligo di notifica di otto giorni per i dipendenti distaccati. E Berna ha già fatto sapere che la prossima legge sul salario minimo nel Canton Ticino non potrà essere applicata a questa stessa categoria di lavoratori.

Su questi argomenti la deputazione ticinese ha incontrato oggi il governo cantonale per affinare e coordinare la strategia nei confronti delle autorità federali.   

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.