Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Terre di 'ndrangheta Viaggio tra i beni confiscati

Dopo la Sicilia, la Calabria è la regione dove vi è il maggior numero di beni confiscati alla criminalità organizzata. Ma come sono reimpiegati? E con quali difficoltà?

Cos’hanno in comune un gruppo di scout, un imprenditore che ha rifiutato di pagare il pizzo e un’associazione di genitori di bambini e adulti disabili? Per tvsvizzera.it, la giornalista Dominella Trunfio ha compiuto un’immersione nel mondo dei beni confiscati alla ‘ndrangheta.

Le norme italiane che permettono appunto di assegnare dei beni sequestrati sono spesso citate come un modello per lottare contro la criminalità organizzata. Non sempre, però, non tutto fila liscio. 

Quartiere Archi di Reggio Viaggio tra i beni confiscati in Calabria #1

«La mafia restituisce il maltolto a un territorio martoriato e oggi questo bene, frutto di traffici illeciti, è un segno di speranza, di crescita, ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2017 10.28


L'isola che non c'è Viaggio tra i beni confiscati in Calabria #2

Un luogo fatiscente e non ancora riassegnato, un bene confiscato che si sarebbe dovuto trasformare in un centro diurno per ragazzi disabili, ma ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 settembre 2017 14.34


Il coraggio di non pagare il pizzo Viaggio tra i beni confiscati in Calabria #3

Da sala giochi a un negozio di articoli per bambini. Di luoghi che cambiano a Reggio Calabria ce ne sono tanti, uno in particolare, è rinato ...

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2017 10.13


Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box