Navigation

Stupro, divergenze tra le due Camere sulla riforma

La consigliera federale Karin Keller-Sutter durante il dibattito al Nazionale. ©keystone/peter Schneider

Il Consiglio Nazionale favorevole al criterio del consenso esplicito, promosso dal fronte progressista. Ma nella Camera alta in giugno è prevalso il principio secondo cui c’è reato solo in presenza di un rifiuto espresso da parte della vittima.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2022 - 21:37
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

Durante il dibattito di entrata in materia, tutti i gruppi hanno sottolineato la necessità di riformare il reato di violenza sessuale: il dibattito verte tutto attorno alla definizione del consenso.

Contrariamente agli Stati, il Nazionale si è pronunciato a sostegno, con 99 voti a 88, dell'inserimento nel Codice penale della soluzione del principio "soltanto sì significa sì".

Contenuto esterno

"Recentemente sono state pronunciate diverse assoluzioni, perché la vittima non aveva mostrato sufficiente resistenza. Questa realtà non è più accettabile", ha sintetizzato Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE) a nome della commissione.

In Svizzera, il 12% delle donne è stata vittima di stupro, ma solo l'8% di loro sporge denuncia. "Ciò mostra la mancanza di fiducia delle donne nel sistema giudiziario", ha sostenuto Fehlmann Rielle. Il disegno di legge non permetterà di risolvere tutti i problemi, ma è già un primo passo, ha aggiunto.

Moderati contrari

Se sulla necessità di intervenire erano tutti d'accordo, i pareri invece divergevano sull'aspetto centrale del dossier, ossia sulla definizione di consenso: "no significa no", a cui si oppone "soltanto sì significa sì".

"L'opzione del consenso esplicito creerà più confusione, delusione e frustrazione, non riuscendo a risolvere tutti i problemi", ha affermato Vincent Maitre (Centro/GE). Barbara Steinemann (UDC/ZH) ha invano messo in guardia contro un diritto sessuale a carattere simbolico, temendo che con la soluzione del "soltanto sì significa sì" si inneschi un'inversione dell'onere della prova.

Anche la consigliera federale Karin Keller-Sutter ha sostenuto la bontà della formula "no significa no", precisando che un "no" esplicito o un gesto di rifiuto, che può essere anche un pianto, difficilmente lasciano un grande margine all'interpretazione di un giudice, mentre non è detto che un "sì" rispecchi veramente la volontà della donna.

La tesi del consenso esplicito

Per lo schieramento rosso-verde, sostenuto da alcuni deputati del PLR e del Centro, l'opzione del consenso esplicito è invece l'unica soluzione. "Il corpo delle donne non è un negozio self-service", ha affermato Tamara Funiciello (PS/BE)

. Optare per la versione "no significa no" significa "presumere che il corpo della partner sia a libera disposizione", ha deplorato Raphaël Mahaim (Verdi/VD). "Prima di avere un contatto sessuale, ci si deve assicurare del consenso del partner", ha sottolineato.

Come detto, al voto l'ha spuntata l'opzione "soltanto sì significa sì" ma la vicenda è destinata ad avere ulteriori sviluppi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?