La televisione svizzera per l’Italia

Stretta monetaria della BNS, il tasso guida su di mezzo punto

Stretta monetaria per tenere a bada l inflazione
Stretta monetaria per tenere a bada l'inflazione © Keystone / Peter Schneider

La Banca nazionale svizzera (BNS) ha annunciato giovedì un aumento di 0,5 punti percentuali del tasso di interesse di riferimento, portandolo all'1,5%, al fine di contenere le pressioni inflazionistiche.

La mossa è arrivata un giorno dopo che la Federal Reserve degli Stati Uniti ha dichiarato di voler aumentare il tasso di interesse di riferimento di un quarto di punto percentuale, portandolo a un intervallo compreso tra il 4,75% e il 5% – il suo nono aumento consecutivo e il tasso più alto dal 2007.

Il mese scorso l’inflazione in Svizzera, pur essendo inferiore a quella degli Stati Uniti e dei paesi vicini europei, ha registrato un’accelerazione superiore alle previsioni degli economisti. Secondo l’Ufficio federale di statistica, a febbraio i prezzi al consumo sono aumentati del 3,4% rispetto a un anno prima. Questo dato è ben al di sopra del tasso obiettivo della BNS per la stabilità dei prezzi, definito come compreso tra lo 0 e il 2%.

Contenuto esterno

Nonostante la leggera ripresa dell’attività economica negli ultimi mesi, la BNS ha scrittoCollegamento esterno che “la crescita dovrebbe rimanere modesta per il resto dell’anno. La domanda debole dall’estero e la perdita di potere d’acquisto dovuta all’inflazione stanno avendo un effetto frenante”.

La decisione di aumentare i tassi arriva nonostante le turbolenze nel settore bancario sia all’estero che in Svizzera. Il 19 marzo UBS ha accettato di rilevare il rivale Credit Suisse, in difficoltà, dopo un’affannosa operazione di salvataggio sostenuta dal governo per evitare un catastrofico collasso bancario.

La BNS lo ha riconosciuto quando ha annunciato l’aumento dei tassi, affermando che le misure adottate dal Governo federale, dall’autorità di regolamentazione finanziaria svizzera FINMA e dalla BNS “hanno posto fine alla crisi”. La BNS sta fornendo grandi quantità di liquidità in franchi svizzeri e valute estere. “Questi prestiti sono garantiti da garanzie e sono soggetti a interessi”.

Contenuto esterno

Nell’ambito dell’accordo orchestrato dal governo, la BNS ha accettato di facilitare la transazione fornendo 100 miliardi di franchi svizzeri (109 miliardi di dollari) di liquidità a UBS e Credit Suisse durante l’acquisizione. Il Governo ha accettato di assorbire fino a 9 miliardi di franchi svizzeri di potenziali perdite di UBS.

Lo scorso dicembre, la BNS ha aumentato il tasso di interesse di riferimento all’1% per contrastare la diffusione dell’inflazione. È stata la terza volta in un anno che la banca ha aumentato il tasso d’interesse in seguito all’aumento dei prezzi.

L’aumento di giovedì ha portato i tassi d’interesse svizzeri al livello più alto dalla crisi finanziaria globale, 14 anni fa. I tassi d’interesse svizzeri sono passati in territorio positivo a settembre per la prima volta dal 2015.

Contenuto esterno



Attualità

Soccorritori a bordo del fiume dove sono scomparsi i due bus.

Altri sviluppi

Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse

Questo contenuto è stato pubblicato al Due autobus su cui viaggiavano 24 e 42 persone sono improvvisamente stati travolti da una frana e sono precipitati in un fiume. L’incidente è avvenuto venerdì a Simaltal, a circa 120 chilometri a ovest della capitale del Nepal, Kathmandu.

Di più Due bus travolti da una frana in Nepal, 66 persone disperse
L'impalcatura crollata.

Altri sviluppi

Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone

Questo contenuto è stato pubblicato al Due persone sono morte venerdì mattina nel crollo di un'impalcatura a Prilly, ad ovest di Losanna. Quattro persone sono rimaste gravemente ferite e altre cinque hanno riportato lesioni minori.

Di più Crolla un’impalcatura a Prilly vicino a Losanna, morte tre persone
Una vettura della polizia di San Gallo.

Altri sviluppi

Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo

Questo contenuto è stato pubblicato al Un uomo di 34 anni ha ferito ieri sera con un machete cinque persone, alcune delle quali gravemente, all'interno e all'esterno di un condominio di San Gallo.

Di più Un uomo ferisce con un machete cinque persone a San Gallo
Il learning center del politecnico federale di Losanna.

Altri sviluppi

Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri

Questo contenuto è stato pubblicato al Per gli studenti stranieri frequentare i politecnici di Losanna e Zurigo sarà decisamente più caro. Il Consiglio dei Politecnici federali (PF) in accordo con il Parlamento vuole triplicare le tasse di iscrizione.

Di più Le rette dei politecnici federali triplicheranno per gli stranieri
Giorgio Armani.

Altri sviluppi

I novant’anni dello stilista Giorgio Armani

Questo contenuto è stato pubblicato al Nato a a Piacenza nel 1934, Armani è a capo di un gruppo fieramente indipendente, simbolo del made in Italy. Lo stilista italiano è ancora deciso a rimanere alla guida del gruppo, sebbene il momento di lasciare le redini si avvicina sempre di più.

Di più I novant’anni dello stilista Giorgio Armani
Case distrutte in Val Bavona.

Altri sviluppi

Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato al Il maltempo che da metà giugno a inizio luglio si è abbattuto sulla Svizzera, in particolare sul Ticino e il Vallese, ha causato danni assicurati per un totale di 160-200 milioni di franchi.

Di più Danni per maltempo stimati fino a 200 milioni
Tutti gli invitati al vertice della Nato davanti alla Casa Bianca per la foto di rito.

Altri sviluppi

Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina

Questo contenuto è stato pubblicato al I Paesi della Nato si sono impegnati a dare all'Ucraina almeno 40 miliardi di euro in aiuti militari "entro il prossimo anno" per sostenerla nella guerra contro la Russia.

Di più Dalla Nato 40 miliardi di euro in aiuti militari all’Ucraina
Il ponte distrutto dal maltempo vicino a Cevio in Vallemaggia.

Altri sviluppi

La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

Questo contenuto è stato pubblicato al La Confederazione ha presentato la sua nuova strategia per informare meglio la popolazione in caso di pericolo. Oltre ai tradizionali allarmi diffusi via app, radio o tramite sirene, in futuro verrà introdotto un nuovo sistema di allerta.

Di più La strategia per meglio allertare la popolazione passa dal telefonino

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR