Navigation

Storia di un mastro clavigero

Gianni Crea ha 43 anni e da cinque è a capo dei clavigeri tvsvizzera

Gianni Crea custodisce le chiavi dei Musei Vaticani, compresa quella unica, senza copie, della Cappella Sistina [INTERVISTA]

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 ottobre 2016 - 09:49

Gianni Crea ha 43 anni e da cinque è a capo dei clavigeri, i custodi delle chiavi dei Musei Vaticani. La sua è una figura che esiste da sempre, erede del maresciallo del Conclave. Delle quasi tremila chiavi (2'797) che aprono tutte le porte dei musei del Papa, compresa la Cappella Sistina, 300 sono quelle che Gianni Crea utilizza ogni giorno.

"Tutte le mattine all'alba, io e i miei undici colleghi, alle 5.45 ci rechiamo al corpo della gendarmeria per ritirare le chiavi e spalancare le porte dei Musei Vaticani. Un lavoro che dura circa un'ora", ha spiegato Crea ai microfoni di Albachiara.

"Alcune chiavi hanno anche un valore storico - sottolinea il capo dei clavigeri -. Le più importanti sono tre: quella con il numero uno apre il portone monumentale, che corrisponde all'uscita dei Musei Vaticani; la numero 401 apre invece il Museo Pio Clementino, ma la più preziosa di tutte, la chiave senza numero, unica e senza copie, apre la Cappella Sistina. Viene custodita nel bunker delle chiavi, in una busta sigillata e controfirmata. Ogni utilizzo viene annotato in un antico registro".

Albachiara/RED MM

QuestaLink esterno e altre storie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.